.
Annunci online

  luigicurci [ SE CON L'ORO HANNO COMPRATO LA MIA CASA E LA MIA TERRA,LA MIA LIBERTA' SI PAGA CON IL SANGUE ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


VENTOLA PRESIDENTE DELLA BAT
Blocco IDENTITARIO
Nuova Italia Barletta
La web-TV di Nuova Italia BAT
NO DROGA
Caffè Nero
AG BARLETTA
Forum Idea Giovani
Alleanza Nazionale
Destra Sociale
Fondazione Nuova Italia
Azione Giovani
Azione Universitaria
Azione Studentesca
UGL
UGL Barletta
AZIONEfUtUrIsTa
AG Federazione Barletta-Andria-Trani
SAPPE
Fare Sicurezza
Fare Verde
La Destra - rivista sul web
L'ora della verità
Rock per la verità
Musica alternativa
Casa Pound
Cuori neri
10 febbraio
Posizione
Il Tricolore
Identità europea
L'Italiano
No Reporter
Family Pride
A destra del Giulivo
Il Giulivo -sito di satira
Barlettiamo
Barletta on line
Gianni ALEMANNO
Marcello DE ANGELIS
Alfredo MANTOVANO
Carlo FIDANZA
Roberto TUNDO
Paola FRASSINETTI
Barbara SALTAMARTINI
Oronzo CILLI
Simone SPIGA
Daniele CAROLEO
Beniamino SCARFONE
Alessandro AMORESE
Michela DANZI
Francesco SALLUSTIO
Daniele MAODDI
Federico MORETTI
Ulderico DE LAURENTIIS
Ardito
Angelo Raffaele MASTROPIERRO
Marco LATTANZIO
Claudio STELLA
Ruggiero GENTILE
Gioacchino MONTERISI
Roberto ALFATTI APPETITI
Giuseppe CALOGIURI
Anna GUARDASCIONE
Marco MILANESE
Ileana
Orpheus
VOLO
Pasquale RICCIO
Leo RICATTI
Dario DAMIANI
L'osservatore di Romano
A destra
Umberto DESIMONE
Ignazio CONI
AG Barletta
Azione Studentesca Barletta
AG Canosa di Puglia
AG Bisceglie
AN Mola di Bari
AG Acerra
AG Recale
AG Terra di mezzo Crotone
AG Giaveno
AG Brindisi
AG Roma Est
AG Firenze
AG Reggio Calabria
AG Polistena
AG Varese
AG Busto Arsizio
QENILDOR - Blog sull'Irlanda
Sardegna non conforme
Giù le mani dal gladio
BOLOGNA BUG
PZF451
Il Cammino Neocatecumenale
Info Cammino Neocatecumenale
Catechumenium
don Francesco FRUSCIO
ASD Barletta
Juventus F.C.
Drughi
Alessandro DEL PIERO
Libero
Corriere della Sera
Gazzetta del Mezzogiorno
Il Giornale
Ansa
Il Tempo
Michele GARRINELLA
Super Manu
Dario DIMASTROMATTEO
Blog Italia
Folklore barlettano

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


30 luglio 2009

Ma dov'è la dignita?

In una lettera del 2 maggio 2008, il Dott. Francesco Salerno annunciava di lasciare il Partito Democratico. Mi colpisce particolarmente rileggere questo passaggio: " Un partito fortemente verticistico, condotto con sistemi di democrazia alla Putin, che valgono a Roma, nella Regione Puglia, nelle province, nelle città e che hanno reso la Puglia del P.D. una Emilianograd e la BAT del P.D. una Lettagrad. Un sistema di potere e di polizia, fatto di promesse e di scambi, di ricatti e di minacce, che non contempla l’esistenza del “diverso parere” , che non ammette “il dissenso” , che di conseguenza, non tutela le “ minoranze ”, perché chi ha i numeri prende tutto."
Da quella lettera è accaduto che il Dott. Francesco Salerno ha presentato una candidatura indipendente alle prime elezioni provinciali alleandosi con l'Udc e perdendo le elezioni dimostrando però di avere un consenso maggiore rispetto al centro-sinistra.
Non mancano le polemiche con il suo ex partito durante la campagna elettorale. Anche l'inizio di Consigliatura è segnato da evidenti fratture tra il PD e Salerno, fratture che emergono sul voto del Presidente del Consiglio da cui certamente non emerge una sintonia politico-strategica anche sul come impostare l'opposizione in Consiglio Provinciale.
Nel frattempo però giunge, come nelle peggiori delle recite, una lettera del leader "Maximo" D'Alema, colui che ha permesso che la Puglia diventasse "Emilianograd", una lettera che di fatto, politicamente, deligittima l'Amministrazione PD del Sindaco Maffei e ripropone un sodalizio con Salerno. Di queste ore la notizia che la tessera di Francesco Salerno del PD potrebbe essere valida e che, se anche il Comitato Regionale di Garanzia non dovesse riscontrare irregolarità (nonostante le eccezioni sollevate da alcuni esponenti barlettani del PD), potrebbe partecipare alle primarie, magari, anzi, sicuramente, da protagonista...e chissà se la decisione del comitato provinciale di convalidare il tesseramento non sia conseguente alle "indicazioni" giunte da D'Alema!
C'è sicuramente curiosità nel sapere cosa pensi ora Salerno di Emilianograd e di Lettagrad e chissà se giungeranno mai risposte. Ci piacerebbe davvero sapere se Salerno vorrà continuare il suo percorso politico dentro o fuori il PD e quale valore bisogna dare a quella tessera sotto esame! Sarebbe bastata una dichiarazione di Salerno del tipo "quella tessera fa parte del passato, oggi non aderisco al PD" per non scomodare la Giunta Regionale di Garanzia, ma il silenzio porta inevitabilmente ad ambiguità!
Ma alla curiosità e agli "enigmi" a cui ci ha abituati Salerno vogliamo contrapporre una certezza, e questa certezza è che il Partito Democratico (non solo locale visto il coinvolgimento di D'Alema) se continua ad inseguire Salerno dopo tutto ciò che è stato detto e fatto prima, durante e dopo la campagna elettorale delle Provinciali, non ha nulla a che fare con la dignità, ovviamente intesa in termini politici, la stessa dignità mancata ai suoi vertici provinciali che invece di analizzare la batosta elettorale si sono solo preoccupati (invano) di richiedere un Assessore a Vendola, la dignità politica mancata al Sindaco di Andria che per l'ennesima volta annuncia dimissioni per poi ritirarle, sempre la stessa dignità politica mancata al Sindaco Maffei che, nonostante si sia visto candidare contro il suo partito parti della sua Giunta e parti della sua maggioranza, continui a non dare spiegazioni ai cittadini di Barletta e soprattutto a non amministrare questa Città sempre più vittima dello sfilacciamento della maggioranza!
E ovviamente dignità politica mancherebbe anche al Dott. Francesco Salerno se tornasse nel tanto osteggiato Partito Democratico.
E' dunque il "Salerno ter" la innovativa proposta politica del Partito Democratico di Barletta? E' un ritorno al Palazzo di Città dell'ex Sindaco l'ambizione del PD? E' così che il PD immagina il futuro di Barletta? C'è dunque un nuovo coinvolgimento di Salerno all'orizzonte? Ebbene, se la risposta a queste domande è "sì" c'è un ulteriore spunto di riflessione politica per i cittadini di Barletta e un motivo in più per chiedersi se è ancora il caso di affidare l'amministrazione della nostra Città al "modello centro-sinistra" ormai fin troppo vecchio e arruginito per guardare al futuro!




permalink | inviato da luigi curci il 30/7/2009 alle 13:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


22 luglio 2009

dalla Gazzetta del Mezzogiorno

 

Plausi e consensi sugli otto assessori


Soddisfazione per il centrodestra di Barletta


MICHELE PIAZZOLLA



   •B A R L E T TA .All’indomani della presentazione della prima giunta provinciale, Francesco Ventola incassa un altro riconoscimento: la nomina a vicepresidente dell’Unione Province Italiane Puglia. «Un segnale di attenzione - ha dichiarato Francesco Schittulli, nuovo presidente dell’Upi Puglia - verso la neonata sesta provincia che ancora non può disporre di una reale autonomia finanziaria e gestionale, oltre che un modo per dare forza e visibilità politica alla Bat e coinvolgerla, da subito, nel dialogo istituzionale con tutti gli altri enti». Intanto, prima di passare alle prime e brevi reazioni sulla nascita del primo esecutivo Bat, è bene ricordare chi sono i consiglieri che subentrano al posto di coloro che sono stati nominati assessori. Sono tre e tutti del Popolo della Libertà. Ad An - tonia Spina, Domenico Campana e Giuseppe Di Marzio subentrano Fedele Lovino di Canosa, Enzo Di Pierro e Pantaleo Mastro giacomo di Bisceglie.
   I primi commenti sulla nuova giunta arrivano da Barletta e cioè dall’unico consigliere provinciale di maggioranza Luigi Antonucci (Lista Ventola): «Ventola ha tenuto in debita considerazione la città di Barletta, nominando due assessori, ricoscoscendo il ruolo politico nell’ambito della coalizione, nonostante la scarsa rappresentanza in consiglio. Siamo soddisfatti e più stimolati a lavorare nell’interesse della città e della provincia».
   Dal centrodestra di Barletta, il commento del consigliere comunale Carlo Dibello (Pdl): «Esprimiamo viva soddisfazione per la designazione dell’amico e collega di partito Darlo Damiani, quale componente del neonato esecutivo provinciale. È un significativo e meritato riconoscimento del lavoro messo in atto negli ultimi anni, culminato in una campagna elettorale condotta all'insegna della compattezza del team dei candidati e della credibilità del messaggio politico. Ventola rafforza la rappresentanza del centrodestra negli organi di governo della Bat a dispetto di quanti hanno ritenuto di scorgere nella sua discesa in campo elementi di frammentazione del bacino elettorale che guarda alle forze politiche della buona amministrazione».
   Per l’Alleanza di Centro, che è rappresentata in giunta dal vicepresidente Nicola Giorgino, interviene Francesco Gorgoglione: «Il momento storico legato alla prima giunta provinciale della Bat vede finalmente protagonista la città di Barletta che tanto ha lottato per la Provincia e per l'elezione di Francesco Ventola. La nomina degli assessori Dario Damiani e Gennaro Cefola dimostra ai barlettani la bontà del progetto politico del centrodestra e la correttezza del presidente Ventola che ha voluto premiare chi ha dato, con la discesa in campo in prima persona, un segno tangibile del proprio lavoro. Il mio invito al centrodestra barlettano è di riunirsi intorno ai nuovi assessori Damiani e Cefola sintesi di impegno e capacità politica».
   Infine, un plauso alla giunta Ventola dal commissario di Azione giovani di Barletta, Luigi Curci: «È a nostro avviso una Giunta che garantirà qualità sia sotto l'aspetto politico che amministrativo. Le scelte fatte interpretano al meglio le necessità sia politiche che territoriali. Al neo presidente e ai suoi assessori in particolare Cefola e Damiani vogliamo rivolgere un buon lavoro. Quanto alla nomina di Dario Damiani emoziona particolarmente Azione giovani di Barletta visto che il suo percorso politico nasce con il Fronte della Gioventù poi in Azione Giovani insieme a noi nel recente passato e nel presente».




permalink | inviato da luigi curci il 22/7/2009 alle 19:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


21 luglio 2009

Comunicato Azione Giovani Barletta

 La Giunta presentata ieri dal primo Presidente della Provincia Barletta - Andria - Trani Francesco Ventola è a nostro avviso una Giunta che garantirà qualità sia sotto l'aspetto politico che amministrativo. Le scelte fatte interpretano al meglio le necessità sia politiche che territoriali. Al neo Presidente e a tutta la sua squadra vogliamo rivolgere un buon lavoro, e lo facciamo particolarmente nei confronti dei due Assessori che rappresenteranno nella Giunta Provinciale la Città di Barletta, e cioè l'Avv. Cefola e il Dott. Damiani.
La nomina di Dario Damiani "emoziona" particolarmente la Comunità politica e militante di Azione Giovani Barletta visto che il suo percorso politico nasce con il Fronte della Gioventù, è continuato in Azione Giovani, ed è stato comune a quello di noi giovani nel recente passato e nel presente.
Il Presidente Ventola, individuando queste due qualificatissime personalità del centro-destra barlettano, ha sicuramente dato un importante riconoscimento alla Città di Barletta e creato le basi per un fruttuoso lavoro amministrativo che di certo rappresenterà un bene per la comunità cittadina.
Ad un incremento elettorale per il centro-destra barlettano si aggiunge anche una importante responsabilità amministrativa, considerando anche l'importanza delle deleghe attribuite ai due neo-assessori, l'ambiente per l'Avv. Cefola e il bilancio e programmazione per il Dott. Damiani.
Buon lavoro e in bocca al lupo.




permalink | inviato da luigi curci il 21/7/2009 alle 17:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


9 giugno 2009

Il primo Consiglio Provinciale della BAT

 

PRESIDENTE: FRANCESCO VENTOLA

Maggioranza:
PDL 10 seggi:
Fisfoioa - Andria 1
Troia - Andria 2
Campana - Andria 3
Fasanella - Andria 7
Spina - Bisceglie 4
Dipalma - Canosa 2
D'addato - S.Ferdinando
Di Marzio - Trani 1
Di Modugno - Trani 2
Corrado - Trani 3

LA PUGLIA PRIMA DI TUTTO 3 seggi:
Valente - Bisceglie 1
Russo - Bisceglie 3
Abascià - Bisceglie 4
Riserbato - Trani 2

LISTA VENTOLA 3 seggi:
Zinni - Andria 6
Antonucci - Barletta 1
Roccottelli - Minervino

ALLEANZA DI CENTRO 1 seggio:
Matarrese - Canosa 1

Minoranza:

Salerno - candidato presidente

LA BUONA POLITICA 2 seggi:
Dicorato - Barletta 4
Dipaola - Barletta 7

UDC 2 seggi:
Laurora - Trani 4
Di Feo - Trinitapoli

PARTITO SOCIALISTA 1 seggio:
Lodispoto - Margherita di Savoia

Marmo - candidato presidente

PD 4 seggi:
Lonigro - Andria 2
Superbo - Minervino
Patruno - San Ferdinando di Puglia
Scelzi - Spinazzola

RIFONDAZIONE COMUNISTA 1 seggio:
Evangelista - Bisceglie 2

Una piccola considerazione rivolta al 47% dei barlettani che hanno votato per Salerno. Oltre a non aver permesso l'elezioni di più Consiglieri di maggioranza, coi vostri voti avete eletto 3 consiglieri non barlettani. Siete ancora convinti che il voto a Salerno era a favore degli interessi di Barletta? Spero che questa volta abbiate davvero imparato la lezione!
Comunque sia il centro-destra ottiene un grande risultato nella BAT. A Barletta, dove la partita era più difficile che altrove, raddoppia il dato elettorale amministrativo. Dal poco più del 20% conseguito nel 2007 siamo balzati al 40%. Ora l'obiettivo è recuperare quel 10% che ci permetterà di vincere finalmente le comunali e far tornare la nostra Città a sorridere. Il PD è stato praticamente spazzato via dagli elettori. La sua candidata arriva addirittura terza e i voti di lista superano appena l'11%. Ci attendiamo sicuramente le dimissioni di Ruggiero Mennea, il coordinatore provinciale. Speriamo nelle dimissioni del Sindaco di Andria e soprattutto del Sindaco di Barletta. Il PD non può continuare ad amministra la nostra Città con un pietoso 8,14%.
Il PDL è il primo partito nella BAT con il 23,93%, a Barletta si attesta al 18,95%.
I dati di Barletta:

voti ai Presidenti 
49.351
100,00%
di cui ai soli Presidenti 
4.622
9,37%
Totale Voti ai Gruppi 
44.729
90,63%
1
Francesco Salerno
23.091
46,79%
di cui al solo Presidente
3.443
6,98%
1
I Giovani con Salerno
1.815
4,06%
2
Pensionati
106
0,24%
3
Partito Socialista - P.S.E.
2.679
5,99%
4
PSDI - Socialdemocrazia
815
1,82%
5
La Buona Politica - Salerno Presidente
10.423
23,30%
6
Io Sud - Adriana Poli Bortone
489
1,09%
7
UDC - Unione di Centro - Casini
2.425
5,42%
8
i Socialisti
636
1,42%
9
Movimento Disoccupati BAT-Movimento Italiano Disabili
260
0,58%
    voti ai Gruppi
19.648
39,81
2
Giuseppina Marmo
5.183
10,50%
di cui al solo Presidente
213
0,43%
10
Partito Democratico
3.642
8,14%
11
Federazione dei Verdi per la Pace
76
0,17%
12
Pina Marmo Presidente
533
1,19%
13
Rifondazione Comunisti Italiani
357
0,80%
14
Sinistra per la BAT
362
0,81%
    voti ai Gruppi
4.970
10,07
3
Michele Rizzi
245
0,50%
di cui al solo Presidente
28
0,06%
15
Partito di Alternativa Comunista
217
0,49%
    voti ai Gruppi
217
0,44
4
Francesco Ventola
20.029
40,58%
di cui al solo Presidente
848
1,72%
16
La Destra - Fiamma Tricolore
777
1,74%
17
Democrazia Cristiana
267
0,60%
18
Movimento per le Autonomie - Alfati per il Sud
434
0,97%
19
Il Popolo delle Libertà - Berlusconi per Ventola
8.476
18,95%
20
UDEUR - Popolari
46
0,10%
21
La Puglia prima di tutto
2.520
5,63%
22
Ventola Presidente
3.668
8,20%
23
My BAT - Giovani Protagonisti della Provincia
99
0,22%
24
Alleanza di Centro per la Libertà - Pionati
1.263
2,82%
25
Sud in Movimento - Puglia
32
0,07%
26
Popolari Liberali - PDL
1.599
3,57%
    voti ai Gruppi
19.181
38,87
5
Sebastiano de Feudis
803
1,63%
di cui al solo Presidente
90
0,18%
27
Di Pietro - Italia dei Valori
713
1,59%
    voti ai Gruppi

I dati provinciali:
Candidati presidente e gruppi Voti  %  Seggi
 
VENTOLA FRANCESCO eletto  102.593 51,68  
  IL POPOLO DELLA LIBERTA' IL POPOLO DELLA LIBERTA'   44.636 23,93 10
  LA PUGLIA PRIMA DI TUTTO LA PUGLIA PRIMA DI TUTTO   17.929 9,61 4
  LISTA LOCALE - VENTOLA PRESIDENTE LISTA LOCALE - VENTOLA PRESIDENTE   12.605 6,75 3
  ALLEANZA DI CENTRO PER LA LIBERTA' ALLEANZA DI CENTRO PER LA LIBERTA'   7.163 3,84 1
  MPA MOVIMENTO PER LE AUTONOMIE MPA MOVIMENTO PER LE AUTONOMIE   4.126 2,21 -
  POPOLARI LIBERALI POPOLARI LIBERALI   3.581 1,92 -
  LIBERTAS DEMOCRAZIA CRISTIANA LIBERTAS DEMOCRAZIA CRISTIANA   3.160 1,69 -
  LA DESTRA - FIAMMA TRICOLORE LA DESTRA - FIAMMA TRICOLORE   2.499 1,34 -
  LISTA LOCALE - MY BAT GIOVANI PROTAGONISTI DELLA PROVINCIA LISTA LOCALE - MY BAT GIOVANI PROTAGONISTI DELLA PROVINCIA   670 0,35 -
  U.D.EUR POPOLARI U.D.EUR POPOLARI   594 0,31 -
  SUD IN MOVIMENTO SUD IN MOVIMENTO   281 0,15 -
    Totale   97.244 52,14 18
 
SALERNO FRANCESCO   47.201 23,77  
  UNIONE DI CENTRO UNIONE DI CENTRO   13.886 7,44 2
  LISTA LOCALE - LA BUONA POLITICA - SALERNO PRESIDENTE LISTA LOCALE - LA BUONA POLITICA - SALERNO PRESIDENTE   12.761 6,84 2
  PARTITO SOCIALISTA PARTITO SOCIALISTA   6.765 3,62 1
  PSDI PSDI   2.736 1,46 -
  LISTA LOCALE - I GIOVANI CON SALERNO LISTA LOCALE - I GIOVANI CON SALERNO   2.522 1,35 -
  IO SUD IO SUD   1.287 0,69 -
  LISTA LOCALE - MOVIMENTO DISOCCUPATI MID - BAT LISTA LOCALE - MOVIMENTO DISOCCUPATI MID - BAT   1.138 0,61 -
  I SOCIALISTI I SOCIALISTI   901 0,48 -
  PART.PENS. PART.PENS.   879 0,47 -
    Totale   42.875 22,99 5
 
MARMO GIUSEPPINA DETTA PINA   42.167 21,24  
  PARTITO DEMOCRATICO PARTITO DEMOCRATICO   21.932 11,76 4
  RIFOND.COM. - SIN.EUROPEA - COM.ITALIANI RIFOND.COM. - SIN.EUROPEA - COM.ITALIANI   5.479 2,93 1
  LISTA LOCALE - PINA MARMO PRESIDENTE LISTA LOCALE - PINA MARMO PRESIDENTE   5.111 2,74 -
  SINISTRA - PER LA BAT SINISTRA - PER LA BAT   4.134 2,21 -
  FED.DEI VERDI FED.DEI VERDI   3.641 1,95 -
    Totale   40.297 21,60 5
 
DE FEUDIS SEBASTIANO   5.891 2,96  
  DI PIETRO ITALIA DEI VALORI DI PIETRO ITALIA DEI VALORI   5.466 2,93 -
 
RIZZI MICHELE   651 0,32  
  PARTITO DI ALTERNATIVA COMUNISTA PARTITO DI ALTERNATIVA COMUNISTA   606 0,32 -
 
Totale voti ai candidati presidente 198.503    
Totale ai gruppi 186.488   28


Un'ultima considerazione sul dato nazionale. Se qualcuno aveva ancora dei dubbi sulla vittoria del centro-destra dopo lo scrutinio delle Europee, questi dubbi sono stati spazzati dopo il voto amministrativo. Il centro-destra vince in tutta Italia, dal nord a sud. La sinistra vince in qualche feudo, e nemmeno in tutti. E' a mio avviso molto significativo il ballottaggio al Comune di Firenze!




permalink | inviato da luigi curci il 9/6/2009 alle 11:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa


22 aprile 2009

Il Pd ufficializza le candidature

Con il "puntuale" ritardo che lo contraddistingue in questa campagna elettorale, il PD ufficializza la sue candidature! Ora che inizia anche per loro la campagna elettorale spero inizi il confronto. Vorrei tanto sapere cosa ne pensano i candidati ed i dirigenti barlettani del Partito Democratico del manifesto dei  Verdi di Andria!? "La Provincia che unisce" recita lo slogan della candidata andriese del PD! Se questi sono i presupposti...

 v.jpg




permalink | inviato da luigi curci il 22/4/2009 alle 14:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


22 aprile 2009

Perchè il voto utile per Barletta è il voto per il PDL!

 E’ stato il tormentone della campagna elettorale per le Elezioni Politiche del 2008. Deve diventare anche il tormentone per la campagna elettorale di queste Elezioni Provinciali: IL VOTO UTILE!
Finalmente l’Italia “imita” l’Europa e avanza verso il bipartitismo che non lascia spazio a mini schieramenti che esistono più per ragioni (e interessi) individuali o particolari, che per il bene collettivo.
L’UDC a livello nazionale esiste per garantire, ancora per poco, l’esistenza parlamentare ad alcuni personaggi destinati a scomparire dal panorama politico nel medio termine.
La prevalenza degli interessi individuali per l’UDC emerge nelle strategie adottate a livello territoriale nelle elezioni amministrative. Nella BAT sono stati reclutati tutti i politici “senza fissa dimora” abituati a cambiare partito come se i partiti fossero camice, oppure da chi la storica dimora l’ha abbandonata solo e sempre per i soliti interessi individuali perché in quella dimora non si potava più essere il capo famiglia e fare ciò che si voleva.
Ed è così che il “compagno” Salerno, con tutta la sua storia di comunista prima e di diessino dopo, diventa il candidato ideale per un partito che antepone le logiche personali a quelle collettive (praticamente “chi si somiglia si piglia”).
Ricordiamo che Francesco Salerno è lo stesso che si dimette da Sindaco di Barletta un anno prima della scadenza naturale del mandato, non per il bene della Città che in quel momento aveva un fortissimo bisogno di un Sindaco ed una situazione politica stabile visto che all’epoca era apertissima la partita per la distribuzione tra i tre Capoluoghi della nuova Provincia degli uffici e delle sedi del nuovo Ente. Salerno si dimette, trascurando sciaguratamente quella situazione, per meri interessi personali perché inseguiva uno scranno in Senato che poi non ha più ottenuto dal suo vecchio partito, i Ds.
Per cui, oltre ad essere inutile votare l’UDC in una fase storica del nostro Paese in cui si procede verso il bipartitismo o comunque un forte bipolarismo, diventa un voto inutile anche un voto per Salerno perché per fare gli interessi di Barletta non serve solo essere barlettani, specie se da barlettani, incuranti di una situazione politicamente importante come l’attribuzione degli uffici e sedi della nuova Provincia, ci si dimette anzitempo dall’incarico di Sindaco, abbandonando di fatto la Città e i barlettani, abdicando alle responsabilità per cui si è stati eletti, e consegnando alla Città di Andria l’ASL, la sede dell’Italgas, e se non fosse stato per l’intervento del Governo Berlusconi, anche la Prefettura!
Se Salerno è sempre lo stesso dei soldi gettati per il Piano Ambaz e il Convegno Aislo, del banchetto squallido nella stanza della memoria dell’olocausto, degli Assessori cambiati un giorno sì e un giorno pure senza alcuna logica politica, delle dimissioni premature ed irresponsabili da Sindaco, e potremmo continuare all’infinito sulle sciagure firmate Salerno, allora il voto per Salerno non è solo inutile ma è anche dannoso per Barletta.
I barlettani devono sapere che un voto utile per Barletta è quello capace di eleggere quanti più Consiglieri Provinciali barlettani così come devono sapere che con il sistema elettorale previsto per le Provinciali più voti verranno consegnati a Salerno e meno barlettani verranno eletti nel Consiglio Provinciale che sarà chiamato a prendere decisioni importantissime, in termini di prestigio istituzionale, in termini di opportunità di occupazione e in termini di sviluppo per la nostra Città.
Perché dunque votare come Presidente un barlettano che non verrà mai eletto e non scegliere di votare i candidati dei grandi partiti dei due schieramenti principali per riuscire ad avere più barlettani possibili nel nuovo Consiglio Provinciale?
Ma per fare in modo che Barletta possa tornare a sorridere dopo quasi vent’anni di tristissima amministrazione di centro-sinistra, è necessario votare i 7 candidati del PDL. E’ necessario dare una svolta politica ed ideale a questa Città, la cui “tristezza” e degrado si manifesta già dalla condizione delle strade. Non si può continuare solo ad incentrare l’attività politica sul costruire palazzi e riempire di cemento ogni spazio disponibile. Non si può continuare a non dare prospettive nel settore del turismo e nell’ambito culturale. Non si può continuare a gestire allegramente la Bar.S.A.. I barlettani non meritano di ricevere solo qualche concerto, 1000 biciclette e qualche pista ciclabile. Barletta e i barlettani meritano politiche serie, nuove e di prospettiva, e per farlo occorre un cambiamento di uomini e di idee.
Ecco perché il voto Provinciale sarà importante ed utile per Barletta, perché rappresenta l’inizio di una nuova fase politica, l’inizio di un cambiamento e di rinascita che parte in questo momento e terminerà quando saremo chiamati ad eleggere un nuovo Sindaco chiudendo definitivamente la tristissima parentesi di Maffei.
Non possiamo continuare ad affidarci ad un Sindaco sostenuto da una maggioranza che per alcuni suoi interi settori sostiene un candidato e uno schieramento opposto a quello dell’attuale maggioranza. Basta a questi teatrini, basta anteporre gli interessi personali a quelli collettivi, basta con la fantapolitica dell’incoerenza e dei non valori. C’è bisogno di una classe dirigente seria e nuova che da oggi deve ricevere la fiducia dei barlettani. BARLETTA DEVE TORNARE A SORRIDERE, e può farlo solo con un voto davvero utile, quello per il PDL.




permalink | inviato da luigi curci il 22/4/2009 alle 10:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


19 aprile 2009

Sosteniamo Pino Rizzi al Collegio II

 

Lunedì 20 aprile alle ore 18:30 si inaugura il comitato elettorale di Giuseppe Rizzi (detto Pino). La sede del comitato è in piazza Aldo Moro (angolo via Pier Delle Vigne). Vi aspetto numerosi e vi invito a sostenre con forza questa candidatura.
Ne approfitto per fare una piccola riflessione. Mentre il Popolo della Libertà, a Barletta come nei restanti Comuni della Provincia, inizia a presentare i suoi candidati, dei candidati del PD non si vede nemmeno l'ombra. Se consideriamo inoltre che anche la scelta del candidato Presidente è stata fatta dalla coalizione di centro-destra con un larghissimo anticipo rispetto al centro-sinistra, per giunta spaccato (3 in candidati), allora siamo davvero dinanzi ad un ritmo ed un passo diverso che fanno auspicare un buon risultato finale di questa competizione elettorale. Il PD sembra vivere questa campagna elettorale con un fusorario di 3 settimane. Noi andiamo avanti spediti con le idee chiarissime.
BARLETTA DEVE TORNARE A SORRIDERE, E PUO' FARLO SOLO CON IL POPOLO DELLA LIBERTA'!!!




permalink | inviato da luigi curci il 19/4/2009 alle 9:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa


16 aprile 2009

A Barletta esistono ancora i Democratici di Sinistra

 

Mentre il centro-destra avanza compatto nella campagna elettorale per eleggere il primo Presidente della Provincia di Barletta-Andria-Trani, ed ovviamente si auspica la vittoria del PDL e di Francesco Ventola, il centro-sinistra si fraziona, divide e presenta diversi candidati.C'è il candidato dell'Italia dei Valori, c'è la candidata del PD, c'è il candidato dell'Udc, ce n'è qualcuno delle solite mirco liste comuniste, ne usciranno forse altri, ma udite udite, c'è anche il candidato dei DS. Si, DS è la sigla dei Democratici di Sinistra, il partito della "quercia". A candidarsi Presidente della Provincia è l'attuale Segretario Nazionale, colui che è succeduto niente poco di meno che a Piero Fassino! Ragazzi non è uno scherzo, è la pura verità. La foto allegata è la dimostrazione. Che dirvi...tutto questo può succedere solo a Barletta!!!




permalink | inviato da luigi curci il 16/4/2009 alle 14:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


31 marzo 2009

Il sito ufficiale di FRANCESCO VENTOLA


WWW.VENTOLAPRESIDENTE.IT



 

Ci siamo, si riparte per una nuova sfida.
Sarà entusiasmante, ne sono certo. Anzi, già lo è.
Quando sono in tanti a credere in te, quando la gente ti esprime fiducia e ti riconosce credibilità e capacità, quando gli addetti ai lavori ritengono che tu sia la persona giusta per energia, passione ed esperienza, nonostante la giovane età, non puoi che esserne lusingato e continuare a lavorare per meritare tanto credito e non deludere nessuno.
Il nostro Territorio è particolare, omogeneo per certi aspetti ed articolato per altri. Così è anche la nostra gente: accomunata da tante cose ma ricca di caratteristiche uniche ed esemplari.
Ed è questo il bello! Su un diamante grezzo ci puoi lavorare, ed è esaltante per il risultato da raggiungere: plasmare una identità comune, tutelando un Territorio spesso scarsamente considerato dalle politiche di certe istituzioni.
Nel mio modo di vivere la politica ho proiettato tutta la mia indole di giocatore di calcio, di centrocampista-mediano: mettersi completamente a disposizione, sacrificarsi al massimo, fare squadra e lavorare per un obiettivo condiviso mettendoci l'anima in un confronto leale e rispettoso di tutti - compreso chi di volta in volta ti sta di fronte come avversario politico -.
I circa dieci anni di esperienza lavorativa in banca hanno contribuito a radicare in me la funzione di servizio, proporre soluzioni idonee ai singoli problemi, esortare all'intraprendenza e al risparmio per garantirsi un futuro migliore: avere fiducia per dare fiducia.
Se fin qui mi riconoscono importanti traguardi, che mi hanno portato ad essere riconfermato Sindaco della Città di Canosa con ben oltre il 70% di consensi al primo turno, vuol dire che la gente apprezza il mio modo di essere pubblico amministratore.
Oggi la nostra società è diversa, la gente vuole e deve essere ascoltata senza essere presa in giro con false illusioni.
La nuova politica richiede operosità, dinamismo e coraggio. I giovani, gli anziani, le donne, le imprese, il volontariato vogliono andare oltre i facili discorsi e la retorica spicciola. Mentre la società soffre per i tanti problemi, dobbiamo creare prospettive e lavorare per realizzarle senza risparmiarci.
Nello sport l'importante è partecipare, se poi si vince, vincono le proprie speranze, il proprio sacrificio. In politica, se si vince, vincono i nostri sogni, le idee condivise, i progetti. Per questo la politica mi appassiona.
Ci sono abbastanza ragioni per lavorare insieme? Se sì, diamoci da fare.
Poi, chiunque vinca, avremo tutti l'onore e l'onere di essere partecipi di questa storica fase costituente.
Io, come ho imparato a fare, metto in gioco tutto me stesso. Vi aspetto!





permalink | inviato da luigi curci il 31/3/2009 alle 11:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


24 marzo 2009

«Case in nero che ingiustizia»

 Dalla Gazzetta del Mezzogiorno odierna, pagina di Barletta

 


LA DENUNCIA
«È incredibile come questa ricchezza corra in maniera parallela a quella documentata e tutti a far finta di niente»
L’IN T E R V E N TO
Luigi Curci, commissario di Azione giovani: «Non è sufficiente la convocazione da parte del sindaco degli imprenditori edili» Fioccano le proteste dopo la denuncia delle «Iene»
«Una società in cui ci sono simili iniquità non ha un grande futuro»



   • Case acquistate in nero: dopo il filmato denuncia delle «Iene» (venerdì sera su Italiauno), fioccano le reazioni dei cittadini: «Staremo a vedere quel che succederà o non succederà - sottolineano Giuseppe e Mario -. E’incredibile come questa ricchezza possa correre in maniera parallela a quella documentata e tutti a far finta di niente, come se non esistesse. Come se fosse normale per un lavoratore dipendente, con reddito fisso e documentato, pagare in nero. Lui viene regolarmente tosato dal fisco, l’imprenditore edile no: vi sembra giusto?».
   L’unico a rompere il «fronte del silenzio» sul fronte politico è Luigi Curci, commissario di Azione giovani: «E’ preoccu - pante - dice ciò che emerge dal filmato mandato in onda dalle Iene sulla modalità di vendita delle case a Barletta. Deludente è il verificare che per denunciare l’ac - caduto, e aggiungerei, finalmente, sia dovuta intervenire una trasmissione televisiva nazionale. I giovani che si sono fatti, per paura, intervistare a volto coperto e con la voce modificata dimostrano la vera e propria vessazione che alcuni imprenditori edili perpetrano nei confronti delle giovani coppie che sognano di avere una famiglia ed un futuro. E a loro che rivolgiamo tutta la massima solidarietà. Adesso speriamo che alla luce di questo filmato intervenga una decisa azione delle autorità competenti. Non è sufficiente la convocazione da parte del Sindaco degli imprenditori edili. Bisogna accertare tutte le responsabilità, così come il Comune di Barletta direttamente deve vigilare sulla regolarità della vendita delle case. Il “cincischiare”, come dice la stessa “iena”, del sindaco è chiaro segno di indecisione ed imbarazzo. Al cincischiare preferiamo rigore e chiarezza. Speriamo che finalmente giustizia venga fatta».




permalink | inviato da luigi curci il 24/3/2009 alle 17:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


23 marzo 2009

Scoppia lo scandalo case a Barletta (Finalmente)


E’ preoccupante ciò che emerge dal filmato mandato in onda dalle Iene sulla modalità di vendita delle case a Barletta. Deludente è il verificare che per denunciare l’accaduto, e aggiungerei, finalmente, sia dovuta intervenire una trasmissione televisiva nazionale.

I giovani che si sono fatti, per paura, intervistare a volto coperto e con la voce modificata dimostrano la vera e propria vessazione che alcuni imprenditori edili perpetrano nei confronti delle giovani coppie che sognano di avere una famiglia ed un futuro. E a loro che rivolgiamo tutta la massima solidarietà.

Adesso speriamo che alla luce di questo filmato intervenga una decisa azione delle autorità competenti. Non è sufficiente la convocazione da parte del Sindaco degli imprenditori edili. Bisogna accertare tutte le responsabilità, così come il Comune di Barletta direttamente deve vigilare sulla regolarità della vendita delle case. Il “cincischiare”, come dice la stessa “iena”, del Sindaco è chiaro segno di indecisione ed imbarazzo. Al cincischiare preferiamo rigore e chiarezza. Speriamo che finalmente giustizia venga fatta!



Ecco il link dove visionare il servizio delle Iene: http://www.youtube.com/watch?v=Dx6q0ThPeyc




permalink | inviato da luigi curci il 23/3/2009 alle 13:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (34) | Versione per la stampa


16 marzo 2009

E il PD prende ancora in giro i suoi elettori

Le primarie erano diventate una soluzione nella BAT per far fronte all'incapacità dei dirigenti locali del PD nell'individuare un candidato presidente per le prossime elezioni provinciali. Il "paracadute" delle primarie è stato tuttavia spacciato come uno "strumento di democrazia"...bla bla...bla bla...e tutte le solite chiacchiere che ascoltiamo quando si parla di primarie, la cosa più finta che si sia mai vista nella politica italiana.
Questa volta i cittadini hanno capito che la farsa delle primarie era più evidente rispetto alle altre volte...ed è per questo che arriva l'ennesima retromarcia da parte della segreteria provinciale del PD. A breve dovrebbe essere ufficializzata la candidatura di Pina Marmo, andriese, Consigliere Regionale. Che fine ha fatto dunque la necessità di democrazia delle primarie? Non sarà per caso che nessuno si voleva candidare, anche alle primarie, e si è cerca per l'ennesima volta di fare un gioco di prestigio, trasformando lo scarso entusiasmo e disponibilità a candidarsi in un accordo unanime che in verità divide il PD?




permalink | inviato da luigi curci il 16/3/2009 alle 10:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


10 marzo 2009

E in mancanza del "primario" si ricorre alle primarie

Fallito l'indecente tentativo di riportare Francesco Salerno alla casa madre (indecente perchè solo un anno fa veniva sbeffeggiato con manifesti dall'"area Letta" del Pd locale, ma anche perchè sarebbe stato un clamoroso ritorno all'antico), ieri sera il PD, in una accessa riunione, stando a quel che riporta il sito www.bat24ore.it, decide di individuare il candidato Presidente della Provincia tramite le primarie. Il dato politico più importante che emerge da questa decisione non è tanto che il PD sarà inattivo per un altro mese di campagna elettorale. Con questa scelta viene praticamente ufficializzata la presa in giro delle primarie. Un anno fa ci raccontavano che era uno straordinario strumento di democrazia e di partecipazione nelle scelte di partito. Oggi diventano l'ultima disperata soluzione per far fronte all'incapacità della segreteria provinciale di individuare un candidato. Insomma, si ricorre alle primarie, e quindi ai cittadini, solo perchè i dirigenti del partito non sono riusciti a trovare una soluzione. Cari cittadini, ecco cosa sono le vere primarie del PD. O sono inutili perchè dagli esiti scontati (come quelle che hanno eletto Veltroni segretario, talmente forte del voto popolare che è stato silurato dopo pochi mesi), o sono la scelta disperata ed obbligata conseguente all'incapacità di fare una scelta!
Intanto Francesco Ventola continua la sua campagna elettorale. Sabato ci saranno due importanti appuntamenti organizzati dai "Circoli Nuova Italia" presieduti dal Sindaco di Roma Gianni Alemanno. Ad entrambi, oltre a Francesco Ventola, sarà presente anche il Sottosegretario agli Interni Alfredo Mantovano. Il primo sarà alle 18:30 a S.Ferdinando, il secondo alle 19:30 a Trani. Nelle prossime ore ci saranno maggiori informazioni sugli eventi!




permalink | inviato da luigi curci il 10/3/2009 alle 10:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


9 marzo 2009

PD = poveri disperati!

Mentre Francesco Ventola e il PDL continuano, tra la gente, la tantissima gente, il percorso verso le Elezioni Provinciali di giugno, il Partito Democratico locale riesce a vivere una situazione più disastrosa e drammatica di quella nazionale.
Se a livello nazionale infatti il leaderino "Franceschiello da Velletri" porterà il PD verso la nuova disfatta elettorale che si consumerà alle Elezioni Europee, nell BAT il PD non riesce nemmeno ad esprimere un candidato alle Elezioni Provinciali. Dopo aver perso l'IDV come alleato (che presenterà un proprio candidato), e dopo che son falliti gli ultimi tentativi per recuperare vecchi amici, oggi acerrimi nemici, come Francesco Salerno che ha deciso di correre con l'UDC (e tutto questo è inquietante), tutte le ipotesi di candidatura muoiono prima del nascere. E' accaduto con Boccia qualche giorno fa. E' accaduto qualche ora fa con Zaccaro, attuale Sindaco di Andria. L'impressione è che, a Barletta come altrove, è emersa l'incapacità della classe dirigente del centrosinistra, e tutto questo rende estremamente difficile trovare un candidato...che a quanto pare non vuol addossarsi la responsabilità di una sconfitta clamorosa.
PD è sempre più acronimo di Poveri Disperati...e la situazione è davvero disperata.
Tutto questo non può che favorire il nostro giovane candidato e il centrodestra tutto, che, messi da parte campanilismi e chiacchiere da bar in cui si sta specializzando il PD, continua la sua campagna elettorale all'insegna di idee, programmi e una straordinaria vicinanza da parte dei cittadini!




permalink | inviato da luigi curci il 9/3/2009 alle 20:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa


4 marzo 2009

Bat, Ventola: "Una Provincia snella e vicina alla gente"

da www.bat24ore.it


Il candidato presidente del PdL parla di programmi e del futuro della Bat
"Dopo l'investitura ufficiale degli organi di partito, ho voluto dare il via alla competizione elettorale, presentandomi ed incontrando i cittadini dei comuni della BAT con l'obbiettivo di incontrarne il più possibile, di farmi conoscere così come mi conoscono i cittadini di Canosa che mi hanno confermato fiducia e credibilità al secondo mandato di Sindaco con un suffragio molto alto, oltre il 70%.
Le idee ed Il confronto hanno sin qui dimostrato quanto ampie siano le aspettative.

Il nostro Programma è attualmente in fase di elaborazione, nell'intesa tra le forze politiche ed i suggerimenti che stiamo raccogliendo invitando tutti ad essere parte attiva, i giovani e le donne in particolare con il loro insostituibile bagaglio di esigenze e capacità.
Per quanto impegnativo e di grande aspirazione, certamente l'intero Programma non sarà il libro dei sogni e sarà incentrato su quelle che sono, al momento, le competenze delle Province, sempre più destinatarie di deleghe da parte di Stato e Regioni.
Noi pensiamo ad un organismo snello, veramente a servizio di tutti, ad una Provincia territorio, distribuita e vicina alla gente in cui, ad esempio, sfruttando le opportunità innovative dell'informatica, si possa aprire uno sportello provinciale presso ogni comune collegato agli uffici centrali. Facilitare l'accesso ai vari servizi, poter presentare direttamente allo sportello una richiesta, avere a disposizione un front office al quale il cittadino possa rivolgersi senza doversi recare obbligatoriamente presso i vari uffici con costi di spostamento, lungaggini e tempi di attesa, può essere esemplificativo di quale Provincia possa essere, una Provincia moderna ed al passo con i tempi.

Il partire da zero, ci consentirà di evitare errori ed orrori di certe pubbliche amministrazioni elefantiache e distaccate dalla società, che costano tanto ed offrono servizi scarsi ed inefficienti.
Ma la nostra idea di Provincia sono convinto che debba vedere il suo primo Presidente anche nella funzione di coordinatore delle splendide Città che la compongono oltre alle diverse componenti istituzionali del territorio, per facilitarne il compito e rendere più efficaci le iniziative.
Questa Provincia non può vivere di campanilismi o di remore preconcette, la società civile si aspetta ben altre risposte.

Per tutto questo la coalizione di centrodestra, già rappresentativa di un'ampia realtà sociale, si candida a rappresentare gli interessi di tutti convinti come siamo che quella alla quale ci stiamo avvicinando, sarà una fase da assemblea costituente in cui per scrivere le regole occorrerà il contributo di tutti, di maggioranza e opposizione. Questa Provincia ha numeri, voglia e tanta forza. Al di là dei ruoli che la gente deciderà di affidare ad ognuno, ci aspetta molto lavoro ma anche grandi soddisfazioni, di questo siatene certi
".




permalink | inviato da luigi curci il 4/3/2009 alle 23:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


3 marzo 2009

Inizia ufficialmente la campagna elettorale a Barletta!

 Con largo anticipo il centrodestra ha annunciato la sua candidatura per la Presidenza della nuova Provincia Barletta-Andria-Trani! Mentre il centrosinistra è alle prese con dilemmi sulle candidature (dettati anche da passi indietro da parte di chi ha seriamente paura di perdere) e frazionamenti (emblematica la scelta dell'Italia dei Valori di correre da sola), ed altri personaggi della preistoria della politica barlettana cercano di improntare una campagna elettorale su un campanilismo ed un "barlettanismo" che verrà smontato quando si ricorderanno ai barlettani i disastri compiuti da Francesco Salerno quando per nove anni ha fatto il Sindaco, Francesco Ventola, il Popolo della Libertà e tutto il centro-destra, compatto, procede con le proposte, coi programmi e nel presentare le proprie idee sul territorio della nuova Provincia.
La campagna elettorale è già iniziata da un pezzo, purtroppo senza ancora veri interlocutori, ma venerdì, con la presenza anche del Ministro Raffaele FITTO, alle ore 19 presso il Teatro Curci, a Barletta ci sarà l'apertura ufficiale della campagna elettorale. Vi aspetto numerosi per l'occasione!




permalink | inviato da luigi curci il 3/3/2009 alle 12:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 febbraio 2009

Inciviltà!

 Mentre ieri pomeriggio ero alla ricerca di parcheggio, impresa sempre ardua a Barletta, noto qualcosa di estremamente indecente e vergognoso. Non potevo esimermi dall'immortalare il momento. Due foto ed un video (oggi vi pubblico solo una foto) per DENUNCIARE pubblicamente un atteggiamento incivile. Una vettura, per giunta in modo estremamente scomposto, occupava, non uno, bensì due parcheggi riservati ai disabili! Ma non è finita. La vettura in questione è un'auto di servizio del Comune di Barletta. Non è ancora finita. I parcheggi per disabili in questione son quelli situati nel parcheggio del Palazzo di Città, parcheggio che garantisce 24 ore su 24 un'intera fila di posti auto proprio alle forze di Polizia Municipale e alle vetture comunali o autorizzate. Non è ancora finita. Nel parcheggio c'erano altri posti liberi (tant'è vero che ho parcheggiato anch'io), ma il conducente di questa vettura del Comune di Barletta ha preferito occupare due parcheggi per disabili. Al momento è stata fatta ad un Vigile Urbano la segnalazione e spero abbia provveduto per una multa. Se la multa non arriva resta la profonda figuraccia fatta!




permalink | inviato da luigi curci il 27/2/2009 alle 10:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


11 febbraio 2009

Maffei scappa...

Azione Giovani Barletta ieri ha rivolto un invito al Sindaco Maffei per incontrarlo. L'incontro sarebbe servito per chiedere spiegazioni per cui a Barletta, oltre a non esserci ancora una via o una piazza o un monumento o una semplice targa intitolata ai martiri delle foibe e agli esuli dalmato-istriani, ieri 10 febbraio, giorno per legge dedicato alla memoria e alla commemorazione dei 350mila italiani ammazzati dai comunisti jugoslavi, non ci sia stata nessuna commemorazione ufficiale, nessun manifesto commemorativo, nemmeno una piccola nota dal sito del Comune di Barletta. Niente di niente, come se quei 350mila martiri fossero morti di serie B.
L'invito è giunto al Sindaco pubblicamente, tramite una nostra nota sulla Gazzetta del Mezzogiorno, e sia privatamente, visto che Azione Giovani Barletta si è presentata al Palazzo di Città per chiedergli un incontro.
L'incontro non c'è mai stato! Il Sindaco, mentre noi in silenzio eravamo fuori ad aspettarlo, si infila nella sua personale auto blu correndo e cercando di nascondersi, e con una manovra non lecita, per giunta sotto gli occhi dei vigili urbani, l'auto blu si mette in fuga!
Perchè aver paura di un incontro del genere? Oppure non era paura...ma l'impellenza del Sindaco di andare a vedere Italia-Brasile non ha permesso l'incontro?
Fatto sta che Azione Giovani goliardicamente non ha desistito. Sotto l'abitazione del Sindaco abbiamo consegnato la nostra richiesta per l'intitolazione di una via, un cartello con su scritto "Via Martiri delle Foibe" e un dvd contenente un documentario sulla tragedia dalmato-istriana. Speriamo davvero che almeno il documentario il Signor Sindaco l'abbia visionato...ha ancora davvero molto da imparare!




permalink | inviato da luigi curci il 11/2/2009 alle 11:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (19) | Versione per la stampa


2 febbraio 2009

Buongiorno, i ragazzi del Partito Democratico si sono svegliati!

Comunicato di Azione Giovani Barletta a seguito del dibattito sollevato dai ragazzi del PD sulla questione candidature alle prossime elezioni provinciali. 

Buongiorno, i ragazzi del Partito Democratico si sono svegliati!

Ci voleva una campagna elettorale per capire che la politica barlettana è
declinata al passato? Ci volevano dei manifesti? Ci voleva un convegno? Sveglia!!!
Possiamo condividere lo sconforto manifestato sui giornali dai vari
rappresentanti giovanili del PD o di altre espressioni del centro-sinistra.

Non riusciamo a comprendere però il definirsi “strabiliati”!
Insomma, loro che questa Amministrazione la sostengono, di cosa si
meravigliano?
Non si sono mai accorti che non solo gli uomini, ma anche i metodi adottati
dal centro-sinistra nell’amministrare la città sono antichi?
Perché non è stato manifestato pubblicamente dai giovani del Pd, alla ricerca
di innovazione politica, indignazione quando il Consiglio Comunale ha
deliberato le solite lottizzazioni, o quando è scoppiato lo scandalo delle Commissioni o quando ancora, poche settimane fa, è stata rinnovata la Giunta Comunale proponendo, o peggio, riproponendo, sempre i soliti nomi e i soliti volti.
Perché non si è definito “poco moderno” il rinominare in Giunta genitori e
generi?
E non dimentichiamoci che alle precedenti elezioni Amministrative se segnale
di innovazione per Barletta è stato lanciato, a lanciarlo è stato il centro-
destra, candidando Carlo Dibello al suo esordio in politica, e rinnovando quasi
completamente i propri gruppi consiliari.
Per cui non solo una semplice questione anagrafica. Il problema della politica

barlettana, e di chi amministra questa città, e cioè del loro centro-sinistra
di cui sono elettori e sostenitori, risiede anche nella metodologia del fare
politica, ANTICA, senza prospettive, idonea a valorizzare qualche interesse
particolare e a dimenticare ogni vero problema della nostra Città.
Il poco tempismo potrebbe rendere poco credibile il loro appello di
rinnovamento della classe politica, il tutto potrebbe correre il rischio di ridursi ad una lotta per un collegio, cose già viste insomma, roba “vecchia”. Per avere credibilità dovrebbero condannare non solo le eventuali candidature, da sinistra a destra, ma prendere nette distanze da ciò che oggi a Barletta rappresenta l’emblema della vecchia politica, in termini anagrafici e in termini di metodi.
E questa, mi dispiace per i pargoli democratici, è incarnata dalla Giunta
Maffei e dalla sua maggioranza. Non si può invocare il nuovo difendendo allo stesso tempo il vecchio!
Non possiamo che dire loro “meglio tardi che mai”! Noi di Azione Giovani
abbiamo sempre denunciato il vecchiume della politica barlettana, un vecchiume, ripetiamo, non solo anagrafico, ma nel modo di fare politica e nel modo di amministrare.
Inoltre non ci sembra che il Partito Democratico e il centro-sinistra in
genere siano a Barletta sprovvisti di giovani rappresentanti in Consiglio Comunale.
Così come non ci sembrano “vecchi” gli attuali Presidenti delle Circoscrizioni.
Insomma per non essere anonimi ed inconcludenti non serve avere freschezza giovanile o avere meno rughe. Servono idee, passione, metodo e capacità di non farsi coinvolgere e risucchiare nelle vecchie logiche, ma a Barletta, tra chi ci amministra, giovani o vecchi, le idee e le qualità latitano!
Va bene quindi l’appello a giovani candidature, a volti nuovi, a chi ha
voglia di fare e spirito di rinnovamento. Ma non riduciamo tutto ad uno slogan da campagna elettorale. Noi da questa parte della barricata ci siamo sempre
stati, anche quando le campagne elettorali erano lontane. Alcuni si sono
svegliati oggi. Benvenuti nel mondo reale!




permalink | inviato da luigi curci il 2/2/2009 alle 19:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


15 gennaio 2009

Arrestato il Consigliere Provinciale Salvatore Tupputi

dal sito della Gazzetta del Mezzogirno ( http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/GdM_dallapuglia_NOTIZIA_PROV_01.php?IDNotizia=221825&IDCategoria=1 )

 
Tangenti a ispettori del lavoro arresti eccellenti a Bari (i nomi)

BARLETTA - Avveniva letteralmente sottobanco o, meglio, sotto una scrivania, lo scambio di danaro tra i malavitosi implicati nella vicenda di tangenti nel Nord Barese. Vicenda portata alla luce dalla Guardia di Finanza che ha arrestato all’alba 16 persone, compresi funzionari pubblici e anche un carabiniere e un consigliere provinciale del partito Socialista autonomista. 

ECCO I NOMI DEGLI ARRESTATI

Si chiama Antonio Angelo Volponi, ed è di Bari, l’ispettore 52enne della direzione provinciale del lavoro di Bari arrestato insieme ad altre 15 persone nell’ambito dell’inchiesta su presunte tangenti chieste ad imprenditori, in alcuni casi compiacenti, per evitare sanzioni per irregolarità sul luogo di lavoro. 

Oltre a Volponi, sono finiti in carcere un funzionario dell’ufficio provinciale del lavoro, Giovanni Maldera, di 50 anni, di Corato, Nicola Spacciante, di 47 anni, consulente del lavoro di Bari, il bitontino Giuseppe Gesualdo di 48 anni ed il biscegliese Aldo Tangorra di 55 anni, entrambi funzionari pubblici.


Arresti domiciliari, invece, per un carabiniere di Turi, Diego Guarnaccia, di 37 anni, Enza Petrizzelli, di 39 anni, di Corato, i bitontini Giuseppe Siragusa di 58 anni, Francesco Vitucci di 42 anni, Domenico Mundo di 48 anni e Carlo Stragapede di 44 anni, il consigliere provinciale di Barletta Salvatore Tupputi, di 57 anni, e un altro barlettano, Luigi Riefolo, di 45 anni, Angela Lamparelli di 43 anni e Nicola Summo di 41 anni, di Ruvo di Puglia, e il barlettano Ruggero Amorotti di 48 anni, che risiede però a Trani.


L'INCHIESTA

Nel corso delle indagini i militari hanno fatto intercettazioni telefoniche e ambientali, piazzando una telecamera nell’ufficio provinciale del lavoro di Bari. Dalle immagini, mostrate questa mattina in procura a Trani, nel corso della conferenza stampa, alla quale hanno preso parte il procuratore Carlo Maria Capristo, il pm Michele Ruggero e il comandante della compagnia della guardia di finanza di Barletta, Giulio Leo, si vede chiaramente lo scambio di denaro sotto una scrivania: nella stanza un uomo, un imprenditore, cede un plico con questa precauzione ad una persona, un funzionario. Questo era un sistema, ma altre volte lo scambio di soldi veniva fatto anche alla luce del sole, per strada. 

Le tangenti partivano da un migliaio di euro per arrivare fino tre-quattromila euro, denaro che non è stato recuperato. Sono invece stati sequestrati tre telefoni cellulari di ultima generazione, sarebbero "regali" per compiacere i funzionari e altri indagati.

IL PROCURATORE DI TRANI: IMPRENDITORI COLLABORATE
''Se ci sono altri imprenditori che hanno subito richieste di tangenti, che abbiano il coraggio di denunciarlo alla nostra procura, alla guardia di finanza e a chi ritengano competente, perchè certi fatti di malcostume vanno perseguiti”. 

E’ l'appello che il procuratore di Trani, Carlo Maria Capristo, ha rivolto stamattina agli imprenditori a margine della conferenza stampa sull'operazione compiuta dalla guardia di finanza di Barletta e di Bari, che ha arrestato, per i reati di corruzione e concussione, 16 persone; tra loro, un carabiniere, un assessore provinciale, alcuni funzionari e un ispettore della direzione provinciale del lavoro di Bari. 

“Non si tratta di un fenomeno generalizzato – ha detto Capristo – ma di una sacca di illegalità, scoperta grazie ad una coraggiosa denuncia che ha consentito di scoprire singoli individui che si sono allontanati dal proprio impegno istituzionale di correttezza, coerenza, onestà e moralità”.




Arriveranno le indignazioni dell'Italia dei Valori? Arriveranno le spiegazioni dal centro-sinistra cittadino visto che i Socialisti Autonomisti sono parte integrante della maggioranza ed esprimono un Assessore (il figlio di Salvatore Tupputi). Staremo a vedere.




permalink | inviato da luigi curci il 15/1/2009 alle 17:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


8 gennaio 2009

E il volantino diventa vignetta!

Settimane fa il Partito Democratico ha distribuito a Barletta un volantino "sbagliato" nel senso che, per protestare contro la soppressione della fermata dell'Eurostar Lecce-Roma a Barletta, ha distribuito un manifestino contenente un messaggio praticamente opposto invitando di fatto i cittadini di Barletta a "manifestare CONTRO la fermata dell'Eurostar".
Quel volantino è stato pubblicato simpaticamente su questo blog ed ha fatto il giro del web grazie a facebook.
Oggi il quotidiano on-line www.bat24ore.it addirittura usa quel volantino, effettivamente ridicolo, come "vignetta del giorno". Un pò discpiace, una volta tanto che organizzano un volantinaggio e vengono presi in giro pubblicamente...evidentemente al PD di Barletta riesce meglio lottizzare terreni e distribuire poltrone, la politica dei volantini, dei gazebo e delle manifestazione non è più roba per loro!




permalink | inviato da luigi curci il 8/1/2009 alle 12:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


2 dicembre 2008

Il nuovo filmato

A distanza di circa un anno dal primo filmato di denuncia di Azione Giovani Barletta, il PDL Barletta crea un secondo filmato, trattando nuovi argomenti e riproponendo problemi ancora irrisolti da ormai tantissimi anni.
Il filmato è alla vostra destra. Buona visione




permalink | inviato da luigi curci il 2/12/2008 alle 17:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


1 dicembre 2008

Una giornata positiva

Questa domenica è stata una giornata positiva per il Popolo della Libertà di Barletta. Il contatto con i cittadini ha dato nuovi stimoli per continuare la difficilissima battaglia per "cambiare Barletta". Accolto positivamente il nuovo filmato di denucia nato dal lavoro di Azione Giovani e Forza Italia Giovani. Nelle prossime ore sarà possibile apprezzarlo anche sul web.
E mentre il PDL era in piazza per denunciare la cattiva amministrazione del centro-sinistra, i barlettani dalle colonne della Gazzetta del Mezzogiorno potevano venire a conoscenza dell'ennesio episodio poco trasparente legato a uomini della maggioranza. Spero che all'interrogazione del Gruppo dei Consiglieri del PDL giunga una risposta chiarificatrice, così come sarebbe giusto spiegare l'accaduto ai barlettani.
Alla fine di questa giornata "interminabile" vi lascio con un volantino che, oltre ad essere destinato ad entrare nella storia di Barletta come una barzelletta, descrive perfettamente i rappresentati del Partito Democratico a Barletta!



Se non si parla di poltrone o lottizzazioni il PD di Barletta ha davvero difficoltà a parlare di politica :)
Buona notte a tutti!




permalink | inviato da luigi curci il 1/12/2008 alle 3:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


28 novembre 2008

Ennesima puntata della telenovela Consiglio Comunale di Barletta!

 consiglio comunale

 da  www.ruggierogentile.splinder.com

L’ ordine del giorno era “bilancio annuale di previsione per l’ esercizio finanziario 2008 – variazioni di assestamento generale ai sensi art.175 comma 8 D.LGS 267/00” ed alla fine è stato approvato!

Vi chiederete se sono a scrivere della prima seduta di consiglio comunale andata a buon fine in tutti i sensi, dopo due anni e passa di legislatura, ma “sfortunatamente” per i barlettani non è così!

Ci sono volute, ormai come da prassi consolidata, ben due ore di interruzione della seduta in corso (cinque minuti aveva dichiarato il vice-presidente Ruta!!!) per far si che le poroposte che rischiavano di venir fuori non si trasformassero del tutto in realtà. Da ieri sera è infatti ufficiale che, sindaco, consiglieri di maggioranza e la giunta tutta, le riunioni pre-consiliari e gli incontri decisionali li attuano durante il consiglio stesso, a dimostrazione di una unità mai esistita tra i circa trenta componenti di centro-sinistra! Così come è altrettanto ufficiale quanto sia inutile e gravosa la presenza di alcune figure dirigenziali all’ interno della struttura amministrativa barlettana! E’ infatti assurdo come in seduta venga portato un documento bello e pronto circa le variazioni di assestamento di bilancio e poi, alla fine della stessa, ne risulti approvato un altro che ne sconvolga quasi del tutto l’ essenza. Cosa ancor più grave è che a far emergere alcune scandalose voci economiche del suddetto bilancio, durante il dibattito, siano proprio alcuni componenti della stessa maggioranza, coloro cioè che si presumeva avessero contribuito, nei giorni precedenti, alla stesura dello stesso piano! Ma evidentemente sarebbe stato troppo “banale” arrivare in aula con una unica comunione di intenti, in barba al tanto agoniato, e poi avvenuto, rimpasto di giunta e consiglieri annessi, che secondo lo scandaloso Maffei avrebbe dovuto dare alla città il definitivo slancio amministrativo! Non ci sono più aggettivi a questo punto per definire l’ operato del sindaco stesso che ad inizio legislatura veniva spesso additato come capro espiatorio della situazione, ma che adesso appare ben calato nella parte del “capo banda”! Nessuna mente più contorta avrebbe infatti osato portare in consiglio un documento di approvazione di bilancio che contenesse, ad esempio, nuove elargizioni al S.I.T. , nell’ ordine di 350.000 euro, in aggiunta ai circa 2 milioni di euro già investiti in questa “fantomatica struttura” che, architettata dalla “favolosa” mente della dirigente del settore sviluppo e risorse umane dott.ssa Rosa DiPalma, sarebbe dovuta diventare una straordinaria piattaforma atta a “rimuovere le difficoltà che la Pubblica Amministrazione Comunale incontra nella piena utilizzazione di tutto il patrimonio informativo di cui dispone o può disporre” (…e già l’ utilità non chiariva certo il minimo dubbio in merito!). A tal proposito va sottolineata l’ assenza della stessa dirigente durante i lavori consiliari, rendendo quindi inascoltati i numerosi propositi di chiarimento in merito, espressi dai consiglieri.

A confronto con queste cifre parevano perciò ridicole le seppure scandalose proposte di destinare, ad esempio, altri diecimila euro agli “studi normanno-svevi” (tanto agoniati da Maffei in prima persona)! Il tutto a discapito di altrettanto assurdi tagli da operare sul sociale, in aggiunta a quelli già dichiarati dalla Regione Puglia.

Di altri punti in questione ce ne sarebbero ancora da raccontare, ma fortuna vuole, per i cittadini, che qualche mente un pochino più lucida, tra i personaggi della maggioranza, abbia fatto fare ancora una volta più di un passo indietro al sindaco Maffei.

Resta comunque il disdicevole comportamento di questi signori che ancora una volta non hanno mostrato il benché minimo rispetto nei confronti degli elettori e dei volenterosi componenti della minoranza di centro-destra. Questi ultimi infatti, dopo aver atteso invano per circa due ore la “ricomparsa” dei loro colleghi, e nel frattempo vedendosi sbeffeggiare dai sorrisi sarcastici di alcuni, decidevano di abbandonare l’ aula, lasciando alla “banda Maffei” l’ onere della votazione del provvedimento.




permalink | inviato da luigi curci il 28/11/2008 alle 17:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


3 novembre 2008

Rimpasto della Giunta Maffei: semplicemente uno schifo!

Dopo quasi due anni e mezzo di assoluto immobilismo politico, di cui il primo anno mezzo impegnato solo per eleggere il Presidente del Consiglio Comunale, arriva a Barletta il rimpasto della Giunta Maffei per rilanciare un'attività politica che non è mai partita, che nulla ha fatto di utile per i cittadini barlettani. Maffei ha dunque ritenuto opportuno rilanciare un'attività politica fatta di 1000 biciclette (con annesse insensate piste ciclabili), qualche connessione wireless al castello e tante tasse (di nuova introduzione e di vecchie che aumentano). Tutto questo mentre i passaggi a livello restano lì, mentre l'elettrodotto resta lì e la gente continua ad ammalarsi, mentre si rende la vita impossibile con assurde ordinanze ai giovani che cercano di inverstire nel turismo, mentre i lavoratori della Bar.S.A. vivono sempre di più una situazione di precarietà, dove la questione case non riesce a trovare uno sblocco e la situazione ambientale ed ecologica si aggrava giorno dopo giorno. Una Città in degrado, ma il centro-sinistra riesce solo a pensare alle lottizzazioni dei terreni e alla spartizione delle poltrone che contano.
Per questo, più che un rilancio ai barlettani sarebbe servito un affossamento del Governo cittadino, ma Maffei ha deciso davvero di voler concludere i 5 anni conquistandosi il titolo di peggior Sindaco della storia della Città di Barletta.
La Giunta, che per l'ennesima volta inserisce nei vari settori uomini senza competenza (il Sindaco "ingegnere" avoca a sè la delega al bilancio, il commercialista Crudele ai servizi sociali, e Ventura...vabbè lasciamo stare, e l'elenco può continuare).
Il criterio della distribuzione delle deleghe?
C'è un criterio che persiste, quello della nomina dei parenti. Tra gli Assessori che "resistono" al rimpasto c'è l'Assessore Antonio Gorgoglione, genero del Consigliere Comunale Peppino Dipaola del PD, e l'Assessore Alfonso Ventura papà del Consigliere Comunale Pasquale Ventura. A pensare che nella maggioranza c'è anche il leader degli "amici di Beppe Grillo" di Barletta...ma non hanno nulla da dire in merito?
Ma le elezioni provinciali si avvicinano, e per non creare nella maggioranza mugugni tra chi una candidatura non la potrà ottenere, si decide di prendere la "nuova linfa" della Giunta tra i Consiglieri già in Consiglio (a dimostrazione che questo rimpato tutto è eccetto che un rilancio dell'azione politica), in modo che le loro dimissioni potranno garantire l'ingresso in Consiglio di nuovi Consiglieri. Ed è così che i nuovi Assessori sono Giuseppe Tupputi, lo stesso che qualche mese fa, pur essendo nella maggioranza, riempiva la città con manifesti contro il Sindaco accusandolo di inoperosità, ma a quanto pare la vera colpa di Maffei era quella di non averlo nominato Assessore nella prima Giunta (adesso con lui, che quasi mai ha fatto un intervento in Consiglio Comunale, sì che la Giunta sarà operativa); Francesco Grippo, già Assessore con la Giunta Salerno; Pino Crudele. E' doveroso soffermarsi sul curriculum politico di quest'ultimo neo Assessore. Dopo esser stato Consigliere Comunale e Provinciale di Forza Italia, Crudele approda in Alleanza Nazionale dove viene eletto, per poi passare nei socialisti per essere rieletto in Consiglio, partecipare alla pagina più bassa della politica barlettana (quella dedicata alla poltrona di Corvasce) e riuscire alla fine a diventare Assessore, a quanto pare il sogno di una vita. Ecco cari concittadini la vostra nuova Giunta. Alla fine, dopo il plebiscito del giugno 2006 mi verrebbe da dire "è quel che vi meritate". Ma la realtà non è questa. Ormai dopo 15 anni il centro-sinistra ha davvero raggiunto i suoi punti più bassi. Più che attività politica-amministrativa la maggioranza appare giocare a tenersi in equilibrio sulla corda, cercando di salvare gli interessi particolari finchè il tempo gli garantirà di tenere le loro mani sulla nostra città. Mancano tre duri e lunghi anni e le provinciali dell'anno prossimo possono rappresentare un importante avviso di "sfratto"! Ridiamo dignità alla nostra città! Dipende solo da noi.




permalink | inviato da luigi curci il 3/11/2008 alle 18:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


26 ottobre 2008

PDL in piazza oggi a Barletta

             


Tasse e servizi a pagamento introdotte

dall’Amministrazione di centro-sinistra


IRPEF 0,2%
: considerando un reddito annuo medio pro-capite compreso nella fascia tra i 18.000 euro e i 20.000 euro si calcola un prelievo annuo di

Euro 40,00

TARSU aumento 5% : considerando un appartamento comune di mq. 75 + box di mq. 14 si calcola un aumento per l’anno in corso di

Euro 10,00

TASSA manutenzione caldaie: introdotta con l’approvazione del Bilancio 2008

Euro 16,00

PASS x Z.t.l. : i cittadini residenti nell’area del centro storico identificata come zona a traffico limitato, possono accedere e parcheggiare dalle ore 20,30 alle 03,00 esclusivamente con un Pass rilasciato dietro pagamento di

Euro 15,00 e/o

Euro 30,00

Allargamento zone di parcheggio a pagamento: considerando l’utilizzo minimo settimanale di soli 2 grattini da 1 ora ed uno da mezz’ora si spendono euro 1,50 che ogni mese sono 6,00 euro, che in un anno fanno Euro 72,00; oppure per chi fa un uso frequente è previsto un abbonamento mensile di euro 36,00 che in un anno sono Euro 432,00.

Totale prelievo annuo dalle tasche dei cittadini barlettani: EURO 153,00


“con il centro-sinistra al Governo della nostra

città, solo TASSE”

 


Dalle 11 alle 13 e dalle 18 alle 22 ti aspettiamo in Corso Vittorio Emanuele




permalink | inviato da luigi curci il 26/10/2008 alle 10:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


19 ottobre 2008

Al prossimo appuntamento

In attesa delle foto da pubblicare sul blog, esprimo soddisfazione per come si è svolto il convegno, per gli argomenti trattati, per la qualità degli oratori, e perché no, per l'"eccesso" di apertura al confronto che ha purtroppo dirottato la discussione su argomenti che poco avevano a che fare con l'analisi sul '68 e le sue conseguenze. Pazienza!
Voglio cogliere l'occasione per ringraziare Marcello De Angelis, sia per il convegno e sia per la stupenda serata trascorsa con la Comunità di Azione Giovani.
I Circoli Nuova Italia e Azione Giovani si rimetteranno subito a lavoro per un nuovo appuntamento a Barletta.
 




permalink | inviato da luigi curci il 19/10/2008 alle 17:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


17 settembre 2008

Ancora super indennità per i nostri Consiglieri Comunali

Con orgoglio Azione Giovani Barletta rivendica di essere l'unico movimento politico intervenuto sulla questione "gettoni di presenza". Ci torniamo e ci torneremo volentieri. Apprezziamo dunque lo sforzo della Gazzetta del Mezzogiorno nel portare avanti questa "operazione trasparenza" cercando di sopperire parzialmente alle mancanze del Comune di Barletta. Ormai la polemica sulle indennità ai Consiglieri Comunali è viva da maggio e nonostante tutto, eccetto una sterile e quasi non pertinente difesa d'ufficio da parte del Presidente del Consiglio Comunale, c'è il silenzio assoluto da parte delle istituzioni e soprattutto non si provvede a garantire i giusti servizi di pubblicità dei lavori delle Commissioni. Il sito internet del Comune di Barletta tarda a pubblicare convocazioni e verbali delle sedute di Commissione.
Il resto è tutta cronaca già nota.
Ieri la Gazzetta ha pubblicato i dati delle Commissioni di giugno. Questa volta ho deciso di non pubblicare integralmente la tabella ma voglio fare un piccolo gioco, tanto per sdrammatizzare, chiamato l'"enalotto comunale"! Ecco i premi partendo dal primo:

Il SEI di 1127,17€ è stato vinto da: Corcella Pasquale (PD), Damato Gaetano (Rinnovamento Puglia), Damiani Dario (PDL), Grippo Francesco (PD), Ruta Francesco (PD) e Soricaro Lucilla (indipendente)

Il CINQUE + UNO di 1041€ è stato vinto da: Dileo Rocco (PSI), Dipaola Giuseppe (PD) e Maffione Dino (Barletta Democartica Popolare)

Il CINQUE di 988,95€ è stato vinto da: Lanotte Marcello (PDL) e Ventura Pasquale (PD)

Il QUATTRO di 936,90€ è stato vinto da: Vitobello Mariagrazia (PDL)

Il TRE di 832,80€ è stato vinto da: Seccia Reginaldo (non ho capito in quale gruppo sta :) )

Il primo premio di consolazione viene assegnato a Defazio Nicola (PD) che porta a casa 780,75€

Questi sono gli importi che superano le vecchie indennità di 700€, ecco perchè pubblicati. Complessivamente nel mese di giugno sono stati sborsati 21.805,47€ senza dimenticare i rimborsi che il Comune deve pagare alle aziende o enti verso cui i Consiglieri prestano lavoro e da cui si assentano per partecipare alle sedute.
Tutto questo gentilmente offerto dai contribuenti barlettani!
Avremo mai dei chiarimenti su cosa fanno i nostri Consiglieri durante le Commissioni???
E' doveroso concludere dicendo che ogni mese dalle tabelle delle indennità appare evidente che non tutti i Consiglieri Comunali partecipano in modo "stakanovista" alle Commissioni. A questi Consiglieri và fatto un ringraziamento ed un plauso




permalink | inviato da luigi curci il 17/9/2008 alle 11:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


12 settembre 2008

Barletta, An: "Sulla Ztl il caos regna sovrano"

 Il gruppo consiliare con Damiani e Rizzi in polemica con l'Amministrazione riguardo i criteri di funzionamento della zona a traffico limitato e delle aree pedonali

"Ad un anno dall'approvazione della Delibera di Giunta n°145 del 10 agosto 2007, l'Amministrazione comunale è ancora alle prese con i criteri di funzionamento della zona a traffico limitato e delle aree pedonali.
Infatti in data 21 agosto 2008 è stata approvata con soli 6 Assessori presenti su 11 la Delibera di Giunta n°148 che riscrive nuovamente i criteri per il rilascio dei permessi di sosta e di circolazione nell'area della ZTL.
Inoltre dopo numerosi rinvii ed un lungo periodo di sperimentazione è partito il 1° settembre il sistema di controllo degli accessi attraverso la videosorveglianza.

Ma a tutt'oggi il caos regna sovrano soprattutto in seguito all'approvazione dei nuovi criteri che a molti cittadini ed anche a numerosi addetti ai lavori sono apparsi incomprensibili. Uno su tutti quello previsto per il rilascio del permesso ad un residente in possesso di un veicolo concesso in comodato gratuito da parte di un parente, esclusivamente di primo grado, che necessita di registrazione all'Agenzia delle Entrate alla modica cifra di euro 205,00 oltre al pagamento del pass annuale al costo di euro 15,00.

Non comprensibile anche il permesso di sola circolazione che i titolari di pubblici esercizi con sede all'interno della ZTL possono ottenere al prezzo di euro 30,00 per circolare liberamente tutti i giorni dalle ore 00,00 alle ore 03,00. Sarà stato il caldo di agosto ad offuscare le idee dei nostri Assessori che anche in questa occasione oltre a stabilire criteri incomprensibili di accesso al centro storico per i residenti e non solo, hanno previsto degli ulteriori costi per le tasche dei cittadini che si sommano all'Irpef comunale, all'aumento della Tarsu, ai grattini ormai ovunque e alla tassa per il controllo degli impianti termici.

Pertanto chiediamo al Sindaco di rivedere con maggiore flessibilità alcuni criteri e soprattutto chiediamo di eliminare quei costi o quelle spese che inciderebbero ulteriormente sulle tasche dei nostri concittadini
".




permalink | inviato da luigi curci il 12/9/2008 alle 19:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


10 settembre 2008

150 firme in poche ore. E siamo solo all'inizio!

 In una sola mattinata, ben 150 sono stati i ragazzi che hanno sottoscritto la petizione popolare lanciata da Azione Giovani Barletta per ampliare gli spazi dedicati allo studio della nostra biblioteca comunale (oggi ne sono soltanto 64) e per ampliare altresì gli orari di apertura.
Oggi la biblioteca è aperta tutte le mattine dal lunedì al venerdì, e soli tre pomeriggi, per un totale di 29 ore circa settimanali, poca cosa rispetto alla stragrande maggioranza dei Comuni italiani che offrono un'utenza superiore.
Insomma, pochi 64 posti per una Città di quasi 100mila abitanti, scarse le 29 ore d'apertura considerate le necessità degli studenti. Tutto questo crea ogni mattina disordine tra gli studenti barlettani, corse e contese per un posto a sedere che è un diritto per gli studenti...e nonostante tutto molti sono costretti a tornare a casa!
All'Amministrazione Comunale chiediamo l'adeguamento del servizio. Chiediamo l'apertura di tutti i pomeriggi, oltre a tutte le mattine, per un totale di circa 40 ore settimanali (come avviene oggi al Comune di Andria, tanto per citare la Città con una realtà di abitanti e territoriale simile alla nostra).
Chiediamo l'aumento dei posti disponibili per meglio garantire il diritto allo studio degli studenti barlettani. Le soluzioni possono essere molteplici, anche non obbligatoriamente ricercabili all'interno del Castello Svevo, struttura che oggi ospita la biblioteca comunale, ma anche guardando ad altri ambienti di gestione comunale come le Circoscrizioni.
Il primo obiettivo è stato raggiunto. A seguito della petizione è giunto un comunicato ufficiale del dirigente comunale del Settore Beni e Servizi Culturali, la dott.ssa Santa Scommegna, che precisa " in merito all'insufficienza di fasce orarie d'apertura al pubblico e ai ridotti spazi di lettura della biblioteca comunale "Loffredo", oggetto di una raccolta firme promossa da Azione Giovani, la dirigenza precisa che L'amministrazione a luglio 2008 ha pubblicato un bando finalizzato alla selezione di soggetti imprenditoriali per servizi aggiuntivi a quelli già offerti dalla biblioteca. La commissione tecnica sta valutando le proposte progettuali pervenute e alla conclusione delle procedure di gara sarà incrementato l'orario di apertura". Continua "circa la problematica degli spazi", si è sostanzialmente chiesto "l'intervento della Regione Puglia per utilizzare i Fondi Strutturali della prossima programmazione per la costruzione di una nuova biblioteca".
Siamo dunque soddisfatti per aver ricevuto attenzione dalla dirigente al ramo. Siamo soddisfatti per aver ricevuto dalla stessa dirigente l'ammissione di una situazione che non riesce ad offrire i servizi adeguati da parte della nostra biblioteca. Siamo soddisfatti per essere riusciti ad ottenere la promessa di un impegno da parte dell'Amministrazione di porre fine al problema.
E' su questa promessa che adesso vigileremo. Finchè gli orari non saranno ampliati e finchè i posti non saranno proporzionali all'utenza, Azione Giovani si batterà per la soluzione di questo problema, ed è per questo che, prescindendo dalle promesse dell'Amministrazione che allo stato attuale restano purtroppo solo promesse e non sono ancora diventati "fatti" che tutti ci auguriamo, continueremo nei prossimi giorni questa raccolta firme e presenteremo la petizione popolare al Consiglio Comunale per aprirne una discussione!
Si ringraziano inoltre tutti i sottoscrittori della petizione.

Durante il tg di Amica 9 di domani andrà in onda il servizio sull'iniziativa di Azione Giovani. Gli orari del tg sono 14, 14:30, 19:45 e 23




permalink | inviato da luigi curci il 10/9/2008 alle 14:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     giugno       

 

Francesco Ventola Presidente - L'uomo della provincia

   FRANCESCO VENTOLA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA BARLETTA - ANDRIA - TRANI

  


Profilo Facebook di Luigi Curci 

MI PRESENTO::
Sono Luigi,ho 27 anni,sono barlettano,
laureando in giurisprudenza presso l'Università degli studi di
Bari.Dopo aver fatto politica
a livello studentesco,ho
aderito ad AZIONE GIOVANI nel settembre 2000
divenendone immediatamente un attivo militante;dopo
 poco mi sono iscritto ad ALLEANZA NAZIONALE.Nel
maggio 2002 mi sono candidato alle elezioni per il
rinnovo del Consiglio di Circoscrizione (Circ.
Borgovilla-Patalini) venendo eletto con 163 preferenze
(primo della lista) e ricevendo dalla Segreteria di Partito
la nomina di capogruppo(mandato decaduto nel maggio 2006).
Dal novembre 2005 sono dirigente provinciale di Azione
Giovani con incarico al Dipartimento Cultura.Dal gennaio
2006 Presidente cittadino di AREA.
Dal dicembre 2006 Vicepresidente del Circolo Territoriale
di AN Barletta "X medaglie d'oro".
Dal settembre 2007 Commissario del Circolo Territoriale
di AG Barletta "Corrado Cardone".


   
   
Posta elettronica e contatto MSN:
luigicurci@fastwebnet.it


PROSSIMI APPUNTAMENTI:



 








 






Campagna anti troll


  





5 per mille

http://www.fondazionenuovaitalia.org/lafondazione/5x1000.php



 Una veduta di Via dei Fori Imperiali invasa dai manifestanti - Foto di Enrico Para



Azione Giovani per Barletta:filmato di denuncia sul degrado della nostra città
                


     

 

 

 

                foto:
(manifestazione a Roma del 2 dicembre 2006)

 

     




con Alemanno dopo l'inaugurazione della campagna elettorale a Barletta per le Politiche 2008



con Mantovano dopo un convegno a Barletta 








   
     

SU BOLOGNA VOGLIAMO
LA VERITA'.CIAVARDINI INNOCENTE!
http://altaforte33.altervista.org/


 


Fare Verde


                  

       
           FONDAZIONE NUOVA ITALIA


tit1


 



 (momenti di politica e militanza della Destra Sociale Barlettana)

 

            

 

 





(manifestazione a Roma del 13 ottobre 2007):





(manifestazione a Bari del 19 gennaio 2008)





 



 




 



                                                             
    
Googleilcannocchiale                                                                   

La rivista della Destra Sociale:

abbonamenti