.
Annunci online

  luigicurci [ SE CON L'ORO HANNO COMPRATO LA MIA CASA E LA MIA TERRA,LA MIA LIBERTA' SI PAGA CON IL SANGUE ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


VENTOLA PRESIDENTE DELLA BAT
Blocco IDENTITARIO
Nuova Italia Barletta
La web-TV di Nuova Italia BAT
NO DROGA
Caffè Nero
AG BARLETTA
Forum Idea Giovani
Alleanza Nazionale
Destra Sociale
Fondazione Nuova Italia
Azione Giovani
Azione Universitaria
Azione Studentesca
UGL
UGL Barletta
AZIONEfUtUrIsTa
AG Federazione Barletta-Andria-Trani
SAPPE
Fare Sicurezza
Fare Verde
La Destra - rivista sul web
L'ora della verità
Rock per la verità
Musica alternativa
Casa Pound
Cuori neri
10 febbraio
Posizione
Il Tricolore
Identità europea
L'Italiano
No Reporter
Family Pride
A destra del Giulivo
Il Giulivo -sito di satira
Barlettiamo
Barletta on line
Gianni ALEMANNO
Marcello DE ANGELIS
Alfredo MANTOVANO
Carlo FIDANZA
Roberto TUNDO
Paola FRASSINETTI
Barbara SALTAMARTINI
Oronzo CILLI
Simone SPIGA
Daniele CAROLEO
Beniamino SCARFONE
Alessandro AMORESE
Michela DANZI
Francesco SALLUSTIO
Daniele MAODDI
Federico MORETTI
Ulderico DE LAURENTIIS
Ardito
Angelo Raffaele MASTROPIERRO
Marco LATTANZIO
Claudio STELLA
Ruggiero GENTILE
Gioacchino MONTERISI
Roberto ALFATTI APPETITI
Giuseppe CALOGIURI
Anna GUARDASCIONE
Marco MILANESE
Ileana
Orpheus
VOLO
Pasquale RICCIO
Leo RICATTI
Dario DAMIANI
L'osservatore di Romano
A destra
Umberto DESIMONE
Ignazio CONI
AG Barletta
Azione Studentesca Barletta
AG Canosa di Puglia
AG Bisceglie
AN Mola di Bari
AG Acerra
AG Recale
AG Terra di mezzo Crotone
AG Giaveno
AG Brindisi
AG Roma Est
AG Firenze
AG Reggio Calabria
AG Polistena
AG Varese
AG Busto Arsizio
QENILDOR - Blog sull'Irlanda
Sardegna non conforme
Giù le mani dal gladio
BOLOGNA BUG
PZF451
Il Cammino Neocatecumenale
Info Cammino Neocatecumenale
Catechumenium
don Francesco FRUSCIO
ASD Barletta
Juventus F.C.
Drughi
Alessandro DEL PIERO
Libero
Corriere della Sera
Gazzetta del Mezzogiorno
Il Giornale
Ansa
Il Tempo
Michele GARRINELLA
Super Manu
Dario DIMASTROMATTEO
Blog Italia
Folklore barlettano

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


16 ottobre 2008

A mali estremi, estremi rimedi!

«Gli aiuti di Stato che fino a ieri erano peccato sono un imperativo categorico». Sono queste le parole del Premier Silvio Berlusconi durante la conferenza stampa a termine del Consiglio Europeo di Bruxelles. I Paesi membri infatti hanno aperto alla possibilità di ricorrere agli interventi pubblici per sostenere la crisi finanziaria internazionale che oggi ha visto nuovamente le borse in picchiata dopo un rialzo registrato nella giornata di ieri.
Interviene anche il Ministro dell'Economia Giulio Tremonti: «La crisi finanziaria è stata contenuta da misure Usa e Ue. L’andamento negativo delle Borse riflette le preoccupazioni per l’economia reale». Nel corso della conferenza Tremonti aggiunge «Quel tipo di crisi devastante si può ragionevolmente dire sia stata contenuta. Resta sull’impatto sull’economia reale e sulla produzione industriale. E’ in atto in tutto il mondo ed è atteso in molti effetti. Noi crediamo che la crisi finanziaria sia stata gestita e contenuta in modo efficace in Europa». Continua «Introdurremo a dicembre la social card ed abbiamo già previsto che essa sia retroattiva per i due mesi precedenti e cioè ottobre e novembre. Poi sarà a regime. Abbiamo già iniziato a discutere anche per la tariffa sociale dell'Enel, una cosa già prevista dalla legge. La legislatura dura cinque anni e noi siamo al governo da cinque mesi avendo già fatto una serie di provvedimenti importanti come l'abolizione dell'Ici sulla prima casa, la modifica delle politiche bancarie, una finanziaria di stabilità ed inoltre abbiamo anche tolto il ticket».






permalink | inviato da luigi curci il 16/10/2008 alle 19:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


11 ottobre 2008

Accolte le nostre richieste!

«Sono state accolte le nostre richieste». Così commenta soddisfatto il Ministro Tremonti a termine del vertice del "sette grandi"! Un annuncio a sorpresa: l'Italia utilizzerà la sua presidenza di turno del G8 dell'anno venturo  per proporre una riforma complessiva dell'architettura finanziaria mondiale, quella uscita da Bretton Woods. Una bozza preliminare sarà presentata, afferma il Ministro, nelle riunioni del fondo monetario e del G20 della prossima settimana.
Le linee guida per uscire dalla crisi secondo il nostro Ministro dell'economia:  «se la crisi è globale le soluzioni non possono essere locali; se la crisi è nuova non si può risolvere con strumenti vecchi; se l'origine della crisi è stata finanziaria la risposta deve essere anche istituzionale».
I risultati del G7 di Washington: c'è l'impegno ad intraprendere tutte le azioni necessarie per arginare la crisi dei mercati. Tutto questo con un piano quinquennale con delle linee guida da seguire, tra cui il garantire alle banche l'accesso alla liquidità sia dal pubblico sia dai privati e compiere tutti i passi necessari per prevenire il fallimento delle maggiori istituzioni finanziarie, così da tutelare i risparmiatori.
Lo schema elaborato dal G7 farà da sfondo alle decisioni assunte da ogni singolo Paese assumerà per fronteggiare la crisi al suo interno.




permalink | inviato da luigi curci il 11/10/2008 alle 12:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


9 ottobre 2008

Bravo Tremonti.

 Il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti (Ansa)«Tuteliamo i consumatori, non i dirigenti che hanno sbagliato». E sull'emendamento salva-manager: "o sparisce o me ne vado". Così il Ministro dell'Economia riferisce stamane in Parlamento sulla crisi finanziaria internazionale, dopo il Consiglio dei Ministri straordinario convocato ieri a Palazzo Chigi. Tremonti annuncia che il governo è pronto ad affiancare gli istituti di credito qualora questi si trovassero in difficoltà a causa della crisi finanziaria globale anche se l'intervento dovrà esclusivamente tutelare i risparmiatori e non i dirigenti che hanno sbagliato, provvedimento dunque con efficacia ex post. A margine del dibattito in Senato il concetto è stato ribadito a proposito di un emendamento denominato «salva-manager» inserito nel decreto Alitalia: «Se si immagina che la linea del governo sia quella prevista da un emendamento che prevede una riduzione della soglia penale per alcune attività di amministratori, si sbaglia. E’ un emendamento fuori dalla logica di questo governo. O va via l’emendamento o va via il ministro dell’Economia».
Tremonti rassicura gli italiani indicando le caratteristiche del nostro sistema bancario come importante elemento per permettere all'Italia di non presentare "particolari anomalie". Spiega il Ministro «una caratteristica propria del sistema bancario italiano è avere un carattere meno sofisticato che ha preservato elementi di crisi che vediamo in altri paesi europei».
Garanzie giungono anche sui nostri depositi bancari: «è già sopra la soglia europea ma abbiamo aggiunto un'integrale garanzia pubblica. In ogni caso non è questo il punto centrale. Noi pensiamo che non esiste un problema di depositi perchè escludiamo a priori il fallimento delle banche».

 




permalink | inviato da luigi curci il 9/10/2008 alle 11:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


18 settembre 2008

ALITALIA, ORA CHIARO CHI HA TUTELATO LAVORATORI

  da www.ugl.it



 

Polverini: responsabilità evidenti per fallimento trattativa.

“A questo punto è chiaro chi ha operato nell’esclusivo interesse dei lavoratori di Alitalia e chi invece ha preferito sottostare ad altre logiche, mettendo una pietra tombale sull’ultima possibilità concreta di salvare l’azienda”.
Lo ha dichiarato il segretario generale dell’Ugl, Renata Polverini, dopo l’annuncio ufficiale del ritiro dell’offerta Cai per l’acquisizione di Alitalia, ritiro votato all’unanimità dai soci dell’assemblea.
“L’Ugl responsabilmente, sin dall’inizio, - continua Polverini - ha negoziato le migliori condizioni possibili per i lavoratori Abbiamo lavorato giorno e notte incessantemente per scongiurare l’ipotesi catastrofica di un fallimento che lascerebbe senza prospettive decine di migliaia di lavoratori e le loro famiglie. Fino all’ultimo momento abbiamo sperato in un sussulto di buon senso e in un atteggiamento responsabile che, nella drammaticità delle condizioni in cui versa Alitalia, portasse ad accordo. Si era partiti da un’offerta che presentava molte rigidità e che si era riusciti a ricondurre sui giusti binari a tutela dei lavoratori, in termini di diritti e di salari, e con sufficienti condizioni per prevedere chance di rilancio della compagnia sui mercati nazionali e internazionali”.
“Aspettiamo di conoscere le prossime mosse del governo e del commissario Fantozzi – conclude Polverini - ma è evidente che siamo a un passo dal fallimento, risultato di cui sono chiari i responsabili”.




permalink | inviato da luigi curci il 18/9/2008 alle 19:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


18 settembre 2008

Qualcuno riesce a sorridere nonostante tutto

 


La CAI ritira l'offerta ufficialmente. La motivazione in un comunicato ufficiale della "cordata". Ecco il passaggio più importante del comunicato: "Una delle condizioni più importanti di tale offerta - si legge nella nota - era costituita dal raggiungimento di un largo accordo sindacale sul piano industriale della Nuova Alitalia e sul contratto di lavoro da dare alla nuova compagnia aerea. Tale accordo non è stato raggiunto, come dimostrato dalle sole tre lettere di accettazione ricevute da Cisl, Uil e Ugl. La drammatica situazione di Alitalia, molto peggiore di quella che aveva dato luogo ad altre offerte di acquisto in passato, e dei mercati internazionali, non permette di allungare ulteriormente una trattativa che è stata approfondita e che ha portato a numerose concessioni. Ulteriori concessioni e dilazioni metterebbero irrimediabilmente a rischio la realizzazione del piano".
Insomma, è mancata la firma della CGIL, un atto che potrebbe risultare irresponsabile. Significative le reazione dei segretari delle altre sigle sindacali. Luigi Angeletti, segretario della Uil, si apre adesso una «catastrofe sociale e sindacale». «L'azienda era già morta - aggiunge - e qualche mio collega si accinge a fare il becchino. Raffaele Bonanni, segretario della Cisl, afferma che «per responsabilità di pochi pagheranno in molti. Spero che il governo garantisca uno spiraglio». Fantozzi, il Commissario straordinario di Alitalia, avvia l'iter per la cassa integrazione straordinaria. Non si riescono ad intravedere spiragli per soluzioni positive e nonostante tutto qualcuno festeggia, sorride, sciacalla politicamente. Speriamo  che tutto si sistemi.




permalink | inviato da luigi curci il 18/9/2008 alle 18:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa


23 giugno 2008

Altro che calcio. La Spagna ci batte in economia!

Dopo aver riportato oltre al 7% la disoccupazione, il governicchio Prodi ci lascia altre amare eredità.  Dopo che nel 2006 è avvenuto il sorpasso, nel 2007 la Spagna consolida nei confronti dell'Italia il distacco per quanto riguarda il Pil procapite misurato in base al potere d'acquisto. I dati dell'Eurostat dicono che se nel 2006 i dati erano Spagna a quota 105 e Italia a quota 103, nel 2007 riportiamo un 107 a 101, e cioè, la Spagna aumenta di ben 2 punti mentre l'Italia quei due punti li perde!
Prodi lo scorso anno contestò il dato Eurostat per il 2006 che confermava il sorpasso dell'economia spagnola su quella italiana. Alle contestazioni avremmo preferito da parte del governo Prodi dei provvedimenti per migliorare il potere d'acquisto degli italiani...invece tutti ricordiamo che da Prodi abbiamo ricevuto solo tasse. La scellerata politica fiscale e tutti gli altri provvedimenti (o in alcuni casi, non provvedimenti) a danno delle famiglie italiani spiegano l'aumento del gap con la Spagna di Zapatero...che mi piace ricordare, ha adottato nel suo primo mandato dei provvedimenti su fisco e redditi molto simili a quelli introdotti dal centrodestra dal 2001 al 2006 e che anche in Italia portarono al risultato della riduzione della pressione fiscale.
Attualmente l'Italia è terzultima in questa graduatoria tra i paesi europei. Solo Portogallo e Grecia riportano dati peggiori dei nostri. Il Pil procapite europeo è quello dei cittadini lussemburghesi.




permalink | inviato da luigi curci il 23/6/2008 alle 18:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


19 giugno 2008

Cresce la disoccupazione nel 2008

La disoccupazione nel primo trimestre del 2008 ha raggiunto il picco del 7,1%, tornando a crescere dopo una fase di discesa. A dichiararlo è l'ISTAT che stima rispetto al primo trimestre del 2007 un aumento di disoccupati pari allo 0,7%!

Intato ieri rinnovato dopo 7 mesi di trattative il contratto dei lavoratori edili. La busta paga avrà un aumento di 104€. Importante è l'accordo sull'assunzione di lavoratori part-time. Le aziende non potranno assumere un numero di lavoratori non a tempo pieno superiore al 3% del totale dei dipendenti!




permalink | inviato da luigi curci il 19/6/2008 alle 12:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


12 marzo 2008

A conferma di quanto scritto ieri

Oggi il Ministero del Tesoro ha reso noti i risultati della trimestrale di cassa. Anche se il debito riduce il suo rapporto col PIL (ma nella sostanza aumenta), il nostro PIL crescerà nel 2008 del solo 0,6% a dispetto della previsione dell'1,5% propagandisticamente fatta qualche mese fa dal Governo. Anche l'inflazione ha ricevuto aggiustamenti al rialzo rispetto alle previsioni: +2,5/2,6%! Tanti sono i dati preoccupanti, li potete leggere su ogni giornale. Ma è sul tesoretto che voglio soffermarmi, quel "gruzzolo" che il Governo aveva messo da parte anche tramite la millantata lotta all'evasione! Cosa risponde in merito il Ministro? Questo tesoretto c'è o non c'è! Promisero che sarebbe stata questa trimestrale di cassa a svelare il mistero. Ebbene, il giallo si risolverà a giugno! C'è dunque una certezza: il tesoretto può non esistere. Esiste una mezza certezza: dalle parole pessimiste in merito di qualche mese fa proprio di Padoa-Schioppa, e dal suo tergiversare in queste ore, possiamo dire che questo tesoretto non esiste affatto!
Ci chiediamo quindi, se la situazione di bilancio è questa, se la crescita è pari a zero, se i nostri stipendi sono i più bassi e tassati d'Europa e se la nostra inflazione viaggia quasi al 3% (ufficiali, ma altri istituti parlano di cifre ben più alte), dove sono finiti i soldi delle nostre tasse? A cosa sono servite le tasse di Prodi, Padoa-Schioppa, Visco e del Partito Democratico? A quanto pare non sono servite a nulla...
Ecco il commento di Confindustria, che mette i suoi falchi nelle liste del PD ma non esita a commenti negativi verso il Governo del PD: «L'Italia viaggia verso la crescita zero nel 2008. Ai livelli attuali il caro petrolio sottrae 0,6 punti alla dinamica del Pil, la rivalutazione del cambio ne toglie 0,2 (e altri 0,4 nel 2009)».
Alla luce di tutto questo...come ci possiamo fidare ancora di loro?




permalink | inviato da luigi curci il 12/3/2008 alle 17:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


8 marzo 2008

L'ultima tassa di Prodi e del Partito Democratico

  Nonostante la nostra pressione fiscale per colpa del centro-sinistra abbia già raggiunto i suoi massimi storici, Prodi ed il Governo del Partito Democratico ci lascia l'ultimo "ricordo" fiscale.
Dal 30 aprile sarà reintrodotta la tassa sugli assegni liberi! Sarà pagata quindi una imposta di bollo per ogni assegno trasferibile pari a 1,50€. Un nuova tassa quindi unita anche ad un balzello burocratico, quello della indicazione del codice fiscale del girante a pena di nullità dell'assegno! Sono compresi nella nuova disposizone anche gli assegni postali.
L'effetto nelle tasce degli italiani: Per un carnet di 10 assegni liberi si pagheranno quindi 15€ di bollo, imposta dunque fissa che non andrà a considerare l'importo ed il valore dell'assegno e che quindi colpirà tutti i cittadini senza proporzione e senza distinguere grossi pagamenti da piccoli pagamenti (che sarebbe stato giusto risparmiare dall'imposta).
Anche in campagna elettorale continua il salasso fiscale, "grazie Prodi, grazie Partito Democratico"!!!




permalink | inviato da luigi curci il 8/3/2008 alle 13:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa


21 febbraio 2008

I conti tornano...e sono cattivi

Oggi a Bruxelles come ogni sei mesi consueta conferenza stampa del Commissario all'economia Almunia.
La relazione sull'Italia parla dell'inflazione più alta d'Europa. Non è finita. Cresciamo la metà del previsto, lo 0,7% invece che l'1,4% previsto...e soprattutto in Europa siamo il paese che cresce di meno in una situazione economica tutto sommato favorevole. Va bene il costo del greggio, va bene tutti gli altri fenomeni...ma sono gli stessi in tutta Europa! Perchè da noi i conti e l'economia vanno così male?
Alla luce di tutto questo mi viene spontaneamente una riflessione: Visco, e ci mancherebbe altro che non ti ricandidi!?!?




permalink | inviato da luigi curci il 21/2/2008 alle 16:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


31 ottobre 2007

Quadro inquietante

 L'inflazione torna correre e questa volta non centra nulla l'"effetto Euro"!Non solo la benzina (e questo è sconcertante vista la forza della nostra moneta rispetto al dollaro) ma anche e soprattutto i beni di primo consumo.L'inflazione torna praticamente intorno al 2% dopo parecchi mesi si stima un aumento di rincari per le famiglie pari a 400€ annui!
Dinanzi a tutto questo scenario il nostro Governo preferisce dividersi su tutti gli argomenti senza trovare soluzioni per il Paese!
P.S:continuo ad esserre assillante sulle "liberalizzazioni"!Tutti i settori liberalizzati hanno subito un aumento dei prezzi!Grazie mille Bersani




permalink | inviato da luigicurci il 31/10/2007 alle 18:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 ottobre 2007

Spesa e deficit italiani i peggiori d'Europa

Secondo l'Eurostata l'Italia possiede la maglia nera di "Eurolandia" circa spesa pubblica salita al 50,1% e deficit al 106,8%!
Si parla dei PEGGIORI CONTI PUBBLICI dei Paesi aderenti allo SME.Grazie Padoa-Schioppa,ci avevi giustificato le tasse per risanare i conti pubblici ma a quanto pare...




permalink | inviato da luigicurci il 22/10/2007 alle 12:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     settembre       

 

Francesco Ventola Presidente - L'uomo della provincia

   FRANCESCO VENTOLA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA BARLETTA - ANDRIA - TRANI

  


Profilo Facebook di Luigi Curci 

MI PRESENTO::
Sono Luigi,ho 27 anni,sono barlettano,
laureando in giurisprudenza presso l'Università degli studi di
Bari.Dopo aver fatto politica
a livello studentesco,ho
aderito ad AZIONE GIOVANI nel settembre 2000
divenendone immediatamente un attivo militante;dopo
 poco mi sono iscritto ad ALLEANZA NAZIONALE.Nel
maggio 2002 mi sono candidato alle elezioni per il
rinnovo del Consiglio di Circoscrizione (Circ.
Borgovilla-Patalini) venendo eletto con 163 preferenze
(primo della lista) e ricevendo dalla Segreteria di Partito
la nomina di capogruppo(mandato decaduto nel maggio 2006).
Dal novembre 2005 sono dirigente provinciale di Azione
Giovani con incarico al Dipartimento Cultura.Dal gennaio
2006 Presidente cittadino di AREA.
Dal dicembre 2006 Vicepresidente del Circolo Territoriale
di AN Barletta "X medaglie d'oro".
Dal settembre 2007 Commissario del Circolo Territoriale
di AG Barletta "Corrado Cardone".


   
   
Posta elettronica e contatto MSN:
luigicurci@fastwebnet.it


PROSSIMI APPUNTAMENTI:



 








 






Campagna anti troll


  





5 per mille

http://www.fondazionenuovaitalia.org/lafondazione/5x1000.php



 Una veduta di Via dei Fori Imperiali invasa dai manifestanti - Foto di Enrico Para



Azione Giovani per Barletta:filmato di denuncia sul degrado della nostra città
                


     

 

 

 

                foto:
(manifestazione a Roma del 2 dicembre 2006)

 

     




con Alemanno dopo l'inaugurazione della campagna elettorale a Barletta per le Politiche 2008



con Mantovano dopo un convegno a Barletta 








   
     

SU BOLOGNA VOGLIAMO
LA VERITA'.CIAVARDINI INNOCENTE!
http://altaforte33.altervista.org/


 


Fare Verde


                  

       
           FONDAZIONE NUOVA ITALIA


tit1


 



 (momenti di politica e militanza della Destra Sociale Barlettana)

 

            

 

 





(manifestazione a Roma del 13 ottobre 2007):





(manifestazione a Bari del 19 gennaio 2008)





 



 




 



                                                             
    
Googleilcannocchiale                                                                   

La rivista della Destra Sociale:

abbonamenti